mercoledì 23 novembre 2016

Fuoco ardente






Se fossi fuoco brucerei la falsità di questo mondo chiamato civile,

arderei tutte le oscene maschere benpensanti e ciniche,

se fossi fuoco tutte le ingiustizie annienterei,

se fossi fuoco, le malattie arderei, le più terribili malattie,

la sofferenza inaudita inflitta, senza scopo alcuno...


Se fossi fuoco, arderei 

tutte le azioni degli uomini nel loro meschino ed iniquo tornaconto.

Un mondo, senza maschere,  senza ingiustizie, senza malattia, senza iniquità, un mondo pulito  
e candido, come gli occhi di un bimbo...

un mondo giocoso ed amorevole, dove si potrebbe vivere e scoprire che esistono altri mondi ancor più belli.

Se fossi fuoco, lo farei,  all'istante, e vorrei essere un fuoco intelligente ed ardente...

Brucerei ogni devastante crudeltà, poiché nessuna ragione, sta dalla parte di crudeltà e violenza....brucerei il potere e la bramosia di potere, che ha reso questa terra un vero inferno, ogni potere .....che non sia quello dell'amore vero. Ogni creatura ha diritto di  vivere una vita dignitosa e significativa, e  scoprire, i misteri che si celano, strappando i sigilli inflitti dolorosamente, da troppo tempo, per  restituire la libertà di essere davvero, senza menzogne e limiti.


Non esiste un Dio che vuole esseri sofferenti,  e ciechi,  ma un Padre amorevole che desidera figli liberi e responsabili e colmi di amore....,  Lui lo so,  non arderebbe nulla, ama ogni essere, persino quelle maschere oscene ed ingombranti,  persino i carnefici di questa umanità.........

Ma sono imperfetta, lo so bene,  a metà tra i mondi,  ancora legata a questa terra, anche se non so accettare, i ridicoli schemi di una società che si definisce civile.


domenica 20 novembre 2016

Il Dubbio




Il dubbio mi sta accompagnando ormai da molto tempo, a volte è davvero scomodo, ma è vero che con il dubbio, nulla si cristallizza troppo.

A volte mi dico : ma non è normale....ed ecco, che allora, cerco conforto nel pensiero di altri umani, che hanno camminato su questa terra..

Ecco che  troverete i loro aforismi sul dubbio..

Ma ragazzi, tutto ha un limite, pensate ad un chirurgo che si ritrovasse con continui dubbi, proprio nel momento stesso di una  operazione.

Il dubbio ha una funzione dinamica,  nella conoscenza  più profonda, purtroppo però, il dubbio può bloccarti per molto tempo e non saprai mai che pesci prendere.

Non potrebbe essere che così,  viviamo nella dualità, anche il dubbio è un suo elemento ....


L'intelligenza umana, per quanto grande,  è colma di limiti,  è una pulce in mezzo all'oceano, essere consapevoli di questo è fondamentale, da sola non potrà mai sopravvivere alle tempeste...

Dubitare della nostra ragione, è indispensabile, per accedere alla intelligenza del cuore, connessa a qualcosa di più illimitato...

Ma è chiaro ....che anche in questo percorso, mai mancheranno i nostri dinamici dubbi.....o persino quelli paralizzanti...

Il mio aforisma:

I dubbi a volte possono salvarti,  i troppi dubbi a volte possono renderti un essere errante.


Beh! Ognuno ha i dubbi che si merita.. o no?



domenica 13 novembre 2016

Universo simulato? Due miliardari finanzieranno la ricerca







Fonte :viviamo in un universo simulato?



           Beh! questa notizia per quanto di qualche mese fa, non può non far sorgere un minimo di curiosità, anche nelle persone indifferenti ad una teoria del genere.

I due finanziatori, peraltro sicuramente, hanno qualche dubbio al riguardo, e vogliono essere certi che sia così, o meglio che non sia affatto così.

Il problema è che una tale idea, non è nata solo da un visionario regista, ma dalla mente di un astrofisico Neil deGrasse Tyson, che ha esteso la teoria di matrix, all'intero universo, ma non è affatto solo, ormai molte persone hanno questo dubbio,  che siano dei potenti computer (di sconosciuta origine), a creare la nostra realtà e non solo.

Dunque benvenuti i finanziatori, nonchè gli scienziati che saranno finanziati per svelare il mistero..(ci riusciranno?).

Qualcuno sicuramente storcerà il naso, tuttavia, se davvero fossimo solo personaggi di un gigantesco videogame, il frutto di una realtà virtuale, sarebbe giusto saperlo?  Esisterebbe più un senso nelle religioni, lotte, sofferenze e malattie? E nella nostra vita in genere? 
La domanda principale di chi siamo, troverebbe una così raggelante risposta?

E se questa ricerca servirà ad escludere tutto ciò, sarà sicuramente utile, ovviamente mi domando : ma quale possibilità abbiamo di scoprirlo in modo scientifico?  La nostra tecnologia è ancora troppo inferiore ....


Se tutto è illusione come molte filosofie orientali hanno sempre sostenuto, la teoria della simulazione, sarebbe corrispondente a questa linea di pensiero..
Vi sono misteri come il vuoto nella materia, la materia ed energia oscura, buchi neri etc..., che andrebbero analizzati in ben altro modo, persino l'esistenza di altri popoli alieni, dovrebbe essere rivista...

Se questo fosse un universo solo simulato, dovremmo pensare che ve ne sia un altro assolutamente reale da qualche parte...., dove un popolo o più popoli, hanno messo in atto tale simulazione.... per quale ragione? 


  • che siano i famosi dei dell'Olimpo dell'antichità?
  • che sia per loro un divertimento con l'inserimento di tutte le varianti che desiderano?
  • oppure uno studio del comportamento di creature, (noi ed altre, compreso il nostro universo), ormai estinte, e da loro riportate in vita con la simulazione? 
  • che sia una simulazione creata e poi abbandonata a se stessa, e quindi colma di paradossi?
  • o serva loro per scoprire qualcosa che hanno tralasciato? Potrebbe essere che alcuni strani alieni, altro non siano che dei loro inviati...?

  • Cosa accadrebbe se il creatore di questa simulazione, staccasse la spina?

Come vedete, le domande sarebbero talmente tante...  il problema invece  sono le risposte....come sempre.






martedì 1 novembre 2016

Il viaggio e la ragione.







Scrivere o non scrivere?  Silenzio o parole?  Forse è tutto inutile, tuttavia, ciò che nasce dal cuore, penso che possa sempre dare i suoi frutti.


Distaccarsi da ogni credo, dalla propria personalità, lo so, è devastante, esiste un equilibrio biologico, che deve sempre essere riallineato, tuttavia grattare in superficie, non serve a nulla, occorre scavare con decisione, e tanta volontà....

Siamo anche infinito, è questo il grande paradosso, un infinito che si esprime in un'apparente finito, ove inizio e fine sono costanti quotidiane.

Come può essere accaduto questo? - Qual'è la reale origine della vita?  - Ma è questa la vera vita? - Quella che viviamo qui, tutti noi?

Tutto fa parte della vita..., persino gli edifici, e le sedie su cui sediamo, ogni cosa è composta da atomi, persino le cattive medicine che a volte fanno tanto male, persino il pavimento di casa..

E gli atomi non sono inerti..., nulla lo è..., sono loro che compongono gli esseri più o meno complessi, attraversati da un'energia sconosciuta..., in uno scambio continuo, più o meno consapevole.

Atomi (comunque immortali)  + energia sconosciuta (nessuno sa cosa sia realmente), ma sono certa, che quella Energia, Intelligente e Divina, ama anche il più piccolo e sconosciuto atomo di questo mondo...e di tutti gli altri mondi...

Mentre, spesso, non sappiamo amare, veramente neppure noi stessi....
E' questa la nostra vera dannazione, la nostra separazione dall'infinito, un assoluto, che tutto comprende, forse la vera evoluzione o ascensione, potrà avvenire solo quando - nella profondità del nostro essere, sapremo che nulla ci è estraneo o nemico, nulla,......e riusciremo a riunire tutti i frammenti ....sparsi.

Ognuno ha il suo viaggio da percorrere,  un viaggio non privo di pericoli e di sconfitte, forse tutti abbiamo necessità di una vera guida,  ma è vero che la guida non potrà accompagnarci per sempre, dobbiamo trovare quella definitiva in noi, che apra il magico portale per l'infinito, le nostre paure inconsce, o manifeste, possono essere sia ostacoli, che occasioni, ma una cosa è certa, nulla accadrà se non siamo pronti,  ostinati, cerchiamo di aprire un varco a tutti i costi, ma ciò che incontreremo spesso saranno solo nuove illusioni..., eppure le illusioni ci consentiranno di riprendere fiato, e superarle...
Tutto serve anche le illusioni, ciò che è falso ...o solo una percezione errata, del resto la nostra stessa immaginazione è utile.

I paradossi sono talmente tanti, e la nostra logica, non sa affrontarli adeguatamente, ed allora ecco, che solo la creatività e l'immaginazione ci possono aiutare..., i bimbi ad esempio, senza alcun problema, si creano un amico immaginario, con cui interagire, anche sapendo bene che è inesistente...
noi umani senza immaginare nulla, siamo alle prese con le immaginazioni secolari altrui, .....tuttavia è vero che i nostri sensi, non sono in grado di osservare che solo una piccola percentuale, di ciò che esiste, dunque è molto probabile che esista intorno a noi un mondo invisibile, con diverse frequenze, li chiamiamo "mondi paralleli", persino la scienza oggi se ne occupa...e non li nega affatto.


Un giorno scopriremo forse, che coloro che chiamiamo malati mentali, altro non sono che esseri, predisposti a percepire e tradurre frequenze differenti dall'ordinario gruppo di umani, che si influenzano a vicenda, un giorno, forse scopriremo, che la nostra ragione e relativa visione, di cui siamo tanto orgogliosi, la nostra bandiera nei secoli, altro non è che una visione collettiva e comune, che ci imprigiona da secoli in un ristretto campo mortale.

Un piccolo viaggio che ci porta a girare continuamente nello stesso vortice, creato dalla nostra visione della realtà..., una realtà illusoria.

Il silenzio della ragione genera mostri.....è un detto antico e molto approvato, a volte è vero...., ma la ragione genera anche esseri limitati, che mai potranno sperare di ritrovare il varco per accedere all'infinito ed allora?....Allora ampliamo questa ragione..., serviamoci di lei, e non consentiamole, di renderci suoi schiavi...