sabato 31 marzo 2012

Ghiandola pineale e realtà



Alzi la mano, chi sa cosa sia la ghiandola pineale? Non vi nascondo che questa piccola ghiandolina,  leggi qui, mi sta intrigando, soprattutto perchè è ritenuta responsabile di molte strane esperienze umane, quasi fosse un'antenna cosmica alla portata di chiunque.

Cosa replicare, in un lontano passato era ritenuta il terzo occhio, un occhio che riesce a vedere al di là del nostro campo dimensionale, e che può entrare in contatto e comunicare con una realtà cosmica e non solo, riesce anche a ricevere preziose informazioni.

A lei è data la responsabilità di stati di coscienza particolari, in fase di meditazione, influenza lo stato di veglia e sonno, e certe esperienze mistiche, illuminazioni, sono suo appannaggio, sembrerebbe che sia una chiave fondamentale per l'elevazione della nostra coscienza....

Cosa è accaduto in questo secolo dunque? Una parte di lei si è forse addormentata? Se tutto ciò fosse vero, sarebbe giusto ritenere che l'essere umano, abbia perso molto del potere di questo terzo occhio e il relativo collegamento con l'universo?

Ma gli scienziati in realtà cosa pensano, quali sono i suoi reali effetti nella nostra vita di tutti i giorni? leggi qui , direi dunque che la sua funzione sia 
di fondamentale importanza...anche ordinariamente...

Adesso però ho deciso di uscire dai confini dell'ordinario, e vi  segnalerei questo articolo che mi è apparso molto interessante leggi qui.

E' evidente, dunque che non esiste un solo punto di vista..., infatti  chi ritiene che la ghiandola pineale possa essere una porta verso altre dimensioni, non ha fatto i conti, con chi invece considera certe esperienze, alla stregua di pure e semplici  "allucinazioni"...del nostro cervello.

Forse la verità, quella vera, potrebbe essere molto più semplice di quanto pensiamo, o forse completamente fuori della nostra portata..

Ma parliamoci francamente...., se la seconda fosse l'ipotesi giusta, dovremmo  comunque prendere atto di quanto il nostro cervello sia un organo influenzabile da mille sostanze e variabilità..., insomma personalmente inizierei ad avere molti dubbi pure su questa nostra inattaccabile e perfida realtà.

Per quanto la scienza sia certa e sicura di ciò che sperimenta, esiste sempre una dispettosa variabile, che non certifica mai al 100% certe teorie,  cosa accade poi? Che la scienza è costretta ad approfondire le sue ricerche....

Viva dunque  "la variabile dispettosa"....


Ma per saperne di più, vi pregherei di leggere questo interessante articolo


16 commenti:

  1. ne avevo sentito parlare sì, ma non credevo avesse tutte queste implicazioni!

    RispondiElimina
  2. Ehi, finalmente, amica mia....era da tanto che ti aspettavo, la ghiandola pineale ha intrigato anche te?
    In effetti è più complessa di quanto possiamo immaginare....diciamo che in questo articolo, ho solo sfiorato l'argomento.
    Un bacione
    Angie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Già, Beta carboline...Un sorriso:) M.R.

      Elimina
    2. Ciao, grazie del sorriso.
      Angie

      Elimina
  3. Non sapevo davvero fosse così "speciale"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lady Simmmons, sembrerebbe invece che lo sia.
      Grazie
      Angie

      Elimina
  4. E'speciale davvero.
    Esistono sono studi risalenti già agli anni sessanta sulle potenzialità della ghiandola pineale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse sarà il caso di estendere l'argomento..,la ghiandola pineale, mi ha parecchio intrigata.
      Ciao e grazie
      Angie

      Elimina
  5. Ciao, più del discorso della ghiandola pineale, trovo interessante il discorso sulla realtà.
    Cos'è la realtà, cosa siamo.
    La risposta è semplice, la realtà come la intendiamo noi non esiste. È solo un costrutto della nostra mente, un artificio, atto in modo da farci interpretare meglio quello che c'è intorno a noi e quindi a farci vivere meglio. I colori no esistono, esistono le frequenze a cui la luce oscilla; il suono è un onda meccanica che vibra a varie frequenze.
    E il fatto che il nostro cervello sia così influenzabile come dici te, è porporino la conseguenza di questo faticoso lavoro che deve compiere continuamente: interpretare qualcosa di astratto e dargli un senso in modo che poi noi possiamo viverci e anche manipolarlo volendo. Dopo tutto anche noi siamo fatti di materia: se non beviamo acqua ci disidratiamo e abbiamo le allucinazioni, alcune sostanze ci fanno "viaggiare", altre possono farci collassare e addirittura morire. Per non parlare delle più semitici illusioni ottiche, o dalle tecniche sfruttate dai media e dalle industrie per rifilarci convinzioni e prodotti; sfruttano tutte i "buchi" del nostro cervello.
    I dubbi che ti stai facendo tu sulla realtà se li sono fatti in tanti: è per questo che la scienza, è andata oltre alla soggettività ed usa strumenti oggettivi per indagare il mondo: per ridarci una visione il più possibile assimilabile a quella che è la realtà, realtà che addirittura il nostro cervello non è in grado di immaginare fatta in un certo modo ( ad esempio la meccanica quantistica).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo il nostro cervello decodifica una realtà, che spesso non è come crediamo che sia.
      Basta pensare al nostro corpo..., se lo potessimo vedere attraverso un microscopio, non sarebbe più solido come si presenta davanti allo specchio.
      La conoscenza ...scientifica (ma non solo), ci aiuta a capire che il mondo non è così solido come ci appare, la materia non è così compatta come la crediamo...uno schiaffo, non è quello che ci appare, neppure un bacio lo è..
      Ma sarebbe difficile vivere, senza le reinterpretazioni del nostro cervello, ma le illusorie visioni che ci concede...a volte ci distraggono dal conoscere ciò che realmente ci circonda.
      Grazie ancora..
      Angie

      Elimina
  6. Ciao Angie, ho appena letto questo post, in quanto ero in cerca di qualcosa che riguardasse l'argomento.. Ho letto i link che ci hai proposto e volevo sapere, se (visto che è passato del tempo dalla pubblicazione del post) hai trovato qualche il libro esauriente in merito... inoltre volevo complimentarmi con te per questo blog, è davvero splendido...
    Loirena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loirena, ti ringrazio del tuo complimento, che dirti mi fa tanto piacere che questo blog ti piaccia, sull'argomento no, non ho letto poi alcun libro a dire il vero, come avrai compreso, vi sono correnti di pensiero molto diverse, chi la considera una vera e propria antenna cosmica, chi invece le attribuisce funzioni anche se importanti, ordinarie..Dipende molto da noi scegliere l'approfondimento che ci interessa maggiormente.
      Grazie ancora Angie

      Elimina
  7. Ciao, dai miei studi è emerso che: anticamente la ghiandola pineale era grande quanto una pallina da tennis, ai tempi di Atlantide difatti l' evoluzione era superiore alla nostra.
    Ora la nostra P.G. è grande quanto una nocciola e i nostri VERI poteri sono stati assopiti.
    Il cloro e il fluoro contenuti nell' acqua, inibiscono la P.G. per questo motivo tutta l' acqua che beviamo è controllata, affinche' l' uomo non possa utilizzare appieno le proprie capacità spirituali e intellettive ma anche fisiche di tutto quel lato oscuro dell' encefalo che non viene utilizzato.
    L' acqua è vita ed è la base di tutta la vita, nelle zone terrestri tipo Africa o paesi del terzo mondo ovviamente non bevono la stessa acqua nostra ma li ci pensano le scie chimiche ed altre sostanze inquinanti ad inibire la P.G e la loro acqua.
    Potendo usare al 100% la ghiandola pineale potremmo addirittura volare e molto probabilmente vivere centinaia di anni come gli antichi patriarchi ed esseri quasi vicini alla perfezione Adamica.
    Il problema che certi "illuminati" vedendo con grande anticipo la sovrappopolazione e la globalizzazione, hanno capito che sarebbe un casino, per i loro piani ma anche per le limitate risorse terrestri che sono appunto LIMITATE, se tutti fossero intelligenti, quindi pecorizzare e lobotomizzare il genere umano era il primo passo da fare per avere il controllo di molti individui(quasi l' intero pianeta) e ci sono voluti secoli di studi per attuare questo.
    Il loro obbiettivo finale è il Nuovo Ordine Mondiale e la riduzione della popolazione terrestre, questo ripristinerà il pianeta secondo loro e questo non è complottismo ma purtroppo realtà e qui mi fermo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che tutto ciò che scrivi abbia un fondo di verità, purtroppo i veri nostri limiti sono stati scritti soprattutto sul nostro codice genetico da tempo immemorabile...
      Solo un aggiornamento di questo codice potrà aiutarci a vedere le cose come realmente sono, ghiandola pineale compresa....
      L'uomo ha sbagliato molte cose, ma certo, la sua visione limitata, non gli ha permesso di valutare che lo sfruttamento totale delle risorse terrestri lo condurranno all'autodistruzione...
      Per chi ha maggior potere...gli illuminati o chissà chi altro, certi piani crudeli, sono di ordinaria amministrazione..
      Speriamo che non riescano ad attuarli, ma speriamo che l'uomo pecora, si svegli presto e attivi la conservazione di queste risorse...siamo miliardi di umani nella stessa situazione, se avessimo una visione più ampia, dovremmo cercare di autogestire la situazione noi stessi, con delle strategie molto forti, qualcuna anche antipopolare, invece ognuno si fa i fatti suoi....e cura il proprio orticello....
      Sei sicuro che in tutto ciò, non vi sia anche una minima responsabilità dell'uomo comune?
      Ciao
      Angie

      Elimina
  8. Ciao Angie e grazie del tuo dialogare e condividere attraverso questo blog..l' odierna comunicazione tra persone non si svolge più tra i salotti rinascimentali o logge valorose e convinte di apportare miglioramenti, gli artisti poeti e pensatori di un tempo si incontravano, discutevano insieme, creavano, c' erano dei valori..
    Si guerre anche, ma un susseguirsi sempre più accelerato al progresso, i soldi, il potere e poi multinazionali, medicine, armi intelligenti, sempre di piu' sempre piu' veloci, e la fame nel mondo e mettici tutto nel calderone, qualcosa non torna.
    La responsabilità dell' uomo c'è fino a un punto relativo, perchè secondo me, dal momento in cui interferiscono " Forze Esterne" come gli egiziani ad esempio, che avevano forti influenze di potere "alieno", i poveri schiavi Ebrei a quel punto non avevano molte possibilità di opporsi a queste forze, fino all' avvento di Mose che con l' appoggio di un' altra forza, ergo Aliena (Dio), libera il popolo ebraico dalla schiavitu' aprendo addirittura il mare.
    Io da non credente ma da studioso "umano" appassionato di misteri da decenni, certi quesiti ormai non me li pongo nemmeno piu'.
    La differenza tra schiavi Ebrei e noi oggi è che oggi ci hanno dotato di tecnologia e ci illudiamo di essere liberi, perchè se ti fermi un attimo e molli il lavoro ( che è schiavitu ), per qualsiasi motivo, diventi un barbone, muori.
    Non esistono alternative al SIX-TEMA, o forse fare l' eremita ed essere soli o pazzi...
    Purtroppo sono consapevole di tutto questo, la nostra lotta non è contro carne e sangue ( umani) ma con ben altro.
    Ti stimo, bellissimo blog ciao.
    Jung

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una parte di responsabilità, è nostra, ma indubbiamente, non abbiamo creato noi i nostri codici genetici, sicuramente vi sono forze immense molto più grandi di noi.
      Oggi nessuno si illude di essere libero, credimi, anche il più cieco degli umani, ha la sensazione di una trama ben orchestrata, le nostre risorse attuali sono quello che sono, eppure Jung, Vi è Qualcosa che nessuno potrà imprigionare, ed una piccola molecola di quel Qualcosa è in ogni essere vivente. "La causa originaria della vita", attenzione non appartengo ad alcuna religione, tuttavia - è possibile comprenderlo dalla complessità del creato, dell'universo, del nostro stesso cervello, che qualcuno ha voluto piombare e limitare. Perché ? E' possibile togliere i lucchetti? - Personalmente penso che sia possibile, grazie a quella famosa molecola che tutti abbiamo in noi.
      Il sistema è quello che è, e fa comodo che sia così, l'unica strategia è cercare di sopravvivere all'interno, e nello stesso tempo ricercare costantemente noi stessi, tendere una mano ad un compagno di viaggio, quando è possibile.
      Vi sono cose su cui non posso esprimermi, comunque sulla scacchiera cosmica, vi sono energie molto complesse, parti oscure e parti luminose, tuttavia nessuno può bloccare l'evoluzione, e prima o poi con un'ondata enorme, tutto sarà spazzato via. (Non mi riferisco alla fine del mondo). Se ci pensi bene siamo un piccolo granello nell'infinito.
      Ti ringrazio per la stima, che ricambio, ti ringrazia anche il mio blog, che è cresciuto quasi da solo...
      Ciao Angie

      Elimina