giovedì 1 marzo 2012

Patti post morte



Ecco qua, siamo di nuovo nel territorio dell'impossibile, nel mistero più oscuro, e se nulla fosse casuale?, (in fondo la speranza di noi tutti sarebbe proprio questa), forse potrebbe essere non casuale anche  il ritrovamento di un articolo scritto e pubblicato da Giorgio di Simone, nell'anno 2003, "Il valore del patto "post mortem"".


In questo articolo, l'autore ci descrive ben tre casi, in cui persone legate da sincero affetto, stipulano un patto: "chi morirà per primo, dovrà tornare per dimostrare che la vita continua al di là di ogni aspettativa"


E ciò in questi tre casi, accade puntualmente, la persona che per prima oltrepassa la frontiera, torna amorosamente ad informare l'amico sulla sua sopravvivenza, peccato che queste esperienze siano collocate nei secoli tra il 1800 ed i primi del 1900, forse nella nostra epoca attuale,  tali patti non sono più di moda? Non mi meraviglierebbe per nulla, chi ha ormai il tempo o il coraggio di compiere un tale accordo con un' altra persona? La maggioranza degli esseri umani sono già più che sicuri che dopo non vi sarà altro che un sonno infinito senza più risveglio...


Già,molti sostengono che la storia della sopravvivenza, altro non sia che una bellissima favola, da snocciolare ai bimbi, o qualcosa che aiuta i più fragili ed i più sensibili a sopportare questa vita, a volte, abbastanza insensata...


E dal momento che anch'io sono umana e fatta di carne deperibile come tutti, non biasimo di certo chi segue questa linea di pensiero, anche se grazie al cielo in me è ancora vivissimo il fanciullino, le favole mi piacciono, so che nascondono comunque verità nascoste..


E poi, lasciatemelo dire, sarebbe molto meglio che il mio sesto senso avesse ragione o no?


Pur cosciente che la nostra mente ha capacità inaudite, come quella di creare immagini, dovute alla suggestione, e che siamo legati al nostro corpo ed ai nostri sensi, so anche  quanto essi non siano in grado di percepire tutto, e proprio per questo, entra in gioco l'impossibile....il mistero....


Inoltre, esiste una alta percentuale di scienziati e studiosi, che la pensano come me (non lo sapevate? vero), Proprio così, persone intelligentissime che indagando in profondità, non escludono un possibile fattore " sopravvivenza"....


Queste persone non sono ancora in grado di rilasciare grandi prove definitive, le uniche in circolazione sono quelle  pre-morte, quando un soggetto è in una fase critica ed il suo cuore, si ferma  per cinque minuti, a volte anche molto di più, poi dopo lo scampato pericolo,  ritorna e racconta per filo e per segno dove si trovava e cosa stavano facendo altre persone intorno a lui, oppure
descrive di una luce bellissima, un tunnel e paesaggi incredibili. Un'altra potrebbe essere quella delle voci indefinibili della metafonia, o i messaggi della telescrittura, che spesso però sono legati al nostro inconscio, o i fantasmi, che purtroppo per loro, non sono considerati delle grandi prove, anzi spesso, le apparizioni vengono considerate pure illusioni ottiche oppure variazioni elettromagnetiche...
Troppo labili...


Esiste per l'uomo, sempre un'altra ragionevole spiegazione, e certo la nostra ferrea logica non potrà mai aiutarci a superare quell'invalicabile muro che ci divide dagli invisibili....


E se la colpa fosse solo nostra? Perché ad essere atei non vi sarebbe nulla di male, ma credere fermamente che nulla esista, sì, dal momento che già credere in quel nulla, limita, circoscrive senza speranza, il cuore e la mente di un essere umano...


Lasciare la mente ed il cuore aperto, invece potrebbe essere una strategia fondamentale....


Non potrebbe davvero fare alcun male, in qualsiasi caso...


E poi è pur vero, che la natura da furbetta e stratega com'è, ha programmato un incredibile salvagente, attraverso la procreazione...


Ma essendo ognuno di noi unico e irripetibile e dotato di una memoria altrettanto unica,...è chiaro che pur trasferendo i propri geni ai propri discendenti, la sua scomparsa in un nulla,  apparirà alla natura una vera e propria sconfitta..


Perché per  lei è facile fabbricare e mettere insieme gli elementi, ma quel quid straordinario che scomparirà per sempre, non dimostrerebbe certo la sua grande abilità...
Quindi, la natura stessa potrebbe aver escogitato una via d'uscita, una conservazione della memoria vera ed originale dell' individuo..
Un'associazione interessante mi è balenata nella mente, in effetti,
quasi tutti coloro che sono in prossimità della fine, dichiarano (magari dopo lo scampato pericolo), di aver vissuto velocemente ed all'indietro tutti gli eventi della loro vita, come se si rivedessero in un film, quasi come a scaricare la propria memoria....certo occorrerebbe individuare su quale nastro magnetico naturale, dovrebbe essere riagganciata....
Scusate ....forse sto esagerando, questa è e resterà una ricerca impossibile, anche se è innegabile quanto sia anche particolare...


Comunque diciamo pure che non siamo in grado di provare che vi sia sopravvivenza, ma che nessuno è in grado di dimostrare il contrario.....la partita resta aperta...uno zero a zero....


Se poi siete curiosi di conoscere approfonditamente i 3 casi post-mortem, fatemelo sapere li aggiungerò a questo post..





8 commenti:

  1. Chi lo sa, sarebbe bello il poterci credere.

    RispondiElimina
  2. Caro Nick, ho aggiunto qualcosa a questo post di molto interessante, dopo che lo avevi già letto...
    Lascia stare il credere... Nick quello non serve credimi.
    Ciao
    Angie

    RispondiElimina
  3. mi hai incuriosita parecchio...!

    RispondiElimina
  4. E ci credo, certe associazioni solo una visionaria come me potrebbe farle...
    Un abbraccio
    Angie

    RispondiElimina
  5. Tutto potrebbe essere possibile. Racconto un mio accaduto, più di 30 anni fà, ero in ospedale per essere operato in anestesia totale, svegliatomi poi, dissi al dottore cosa aveva fatto, perchè ebbi la netta impressione di stare in alto sopra di me e vedere tutto. Cari saluti.

    RispondiElimina
  6. O Salvatore, grazie è la prima testimonianza su questo blog ed è per me preziosa come un immenso tesoro...Ora comprendo il tuo profondo interesse per certe tematiche.
    Ti ringrazio tanto e ti saluto con tanto affetto.
    Angie

    RispondiElimina
  7. Non solo quel fatto, anche un avvistamento UFOLOGICO, basta scorrere il mio profilo. Cari saluti.

    RispondiElimina
  8. Grazie Salvatore, direi che tutto ciò è molto interessante.
    Grazie
    Angie

    RispondiElimina