martedì 1 novembre 2016

Il viaggio e la ragione.







Scrivere o non scrivere?  Silenzio o parole?  Forse è tutto inutile, tuttavia, ciò che nasce dal cuore, penso che possa sempre dare i suoi frutti.


Distaccarsi da ogni credo, dalla propria personalità, lo so, è devastante, esiste un equilibrio biologico, che deve sempre essere riallineato, tuttavia grattare in superficie, non serve a nulla, occorre scavare con decisione, e tanta volontà....

Siamo anche infinito, è questo il grande paradosso, un infinito che si esprime in un'apparente finito, ove inizio e fine sono costanti quotidiane.

Come può essere accaduto questo? - Qual'è la reale origine della vita?  - Ma è questa la vera vita? - Quella che viviamo qui, tutti noi?

Tutto fa parte della vita..., persino gli edifici, e le sedie su cui sediamo, ogni cosa è composta da atomi, persino le cattive medicine che a volte fanno tanto male, persino il pavimento di casa..

E gli atomi non sono inerti..., nulla lo è..., sono loro che compongono gli esseri più o meno complessi, attraversati da un'energia sconosciuta..., in uno scambio continuo, più o meno consapevole.

Atomi (comunque immortali)  + energia sconosciuta (nessuno sa cosa sia realmente), ma sono certa, che quella Energia, Intelligente e Divina, ama anche il più piccolo e sconosciuto atomo di questo mondo...e di tutti gli altri mondi...

Mentre, spesso, non sappiamo amare, veramente neppure noi stessi....
E' questa la nostra vera dannazione, la nostra separazione dall'infinito, un assoluto, che tutto comprende, forse la vera evoluzione o ascensione, potrà avvenire solo quando - nella profondità del nostro essere, sapremo che nulla ci è estraneo o nemico, nulla,......e riusciremo a riunire tutti i frammenti ....sparsi.

Ognuno ha il suo viaggio da percorrere,  un viaggio non privo di pericoli e di sconfitte, forse tutti abbiamo necessità di una vera guida,  ma è vero che la guida non potrà accompagnarci per sempre, dobbiamo trovare quella definitiva in noi, che apra il magico portale per l'infinito, le nostre paure inconsce, o manifeste, possono essere sia ostacoli, che occasioni, ma una cosa è certa, nulla accadrà se non siamo pronti,  ostinati, cerchiamo di aprire un varco a tutti i costi, ma ciò che incontreremo spesso saranno solo nuove illusioni..., eppure le illusioni ci consentiranno di riprendere fiato, e superarle...
Tutto serve anche le illusioni, ciò che è falso ...o solo una percezione errata, del resto la nostra stessa immaginazione è utile.

I paradossi sono talmente tanti, e la nostra logica, non sa affrontarli adeguatamente, ed allora ecco, che solo la creatività e l'immaginazione ci possono aiutare..., i bimbi ad esempio, senza alcun problema, si creano un amico immaginario, con cui interagire, anche sapendo bene che è inesistente...
noi umani senza immaginare nulla, siamo alle prese con le immaginazioni secolari altrui, .....tuttavia è vero che i nostri sensi, non sono in grado di osservare che solo una piccola percentuale, di ciò che esiste, dunque è molto probabile che esista intorno a noi un mondo invisibile, con diverse frequenze, li chiamiamo "mondi paralleli", persino la scienza oggi se ne occupa...e non li nega affatto.


Un giorno scopriremo forse, che coloro che chiamiamo malati mentali, altro non sono che esseri, predisposti a percepire e tradurre frequenze differenti dall'ordinario gruppo di umani, che si influenzano a vicenda, un giorno, forse scopriremo, che la nostra ragione e relativa visione, di cui siamo tanto orgogliosi, la nostra bandiera nei secoli, altro non è che una visione collettiva e comune, che ci imprigiona da secoli in un ristretto campo mortale.

Un piccolo viaggio che ci porta a girare continuamente nello stesso vortice, creato dalla nostra visione della realtà..., una realtà illusoria.

Il silenzio della ragione genera mostri.....è un detto antico e molto approvato, a volte è vero...., ma la ragione genera anche esseri limitati, che mai potranno sperare di ritrovare il varco per accedere all'infinito ed allora?....Allora ampliamo questa ragione..., serviamoci di lei, e non consentiamole, di renderci suoi schiavi...


2 commenti:

  1. Ciao Daniela!Non aspettare Natale per il prossimo articolo!!!:-))) un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Stefano, magari Natale no...
      Un bacione a te

      Elimina