mercoledì 16 aprile 2014

Prigionieri come topolini o realtà virtuale?




La vita a volte è troppo dura, troppo, e personalmente penso che non sia vero che ognuno abbia quel che si merita, e lo dichiaro a ragion veduta, certo qualcuno replicherà che la persona ammalata gravemente o che sta soffrendo in modo indicibile, sia stata malvagia in un'altra vita. Io non ci credo.

Penso invece che stiamo vivendo in un mondo ove la luce arriva molto poco, dove i cicli si ripetono in modo drammatico e continuo, ciò non è affatto naturale  e per quanto la maggioranza sia certa che tale situazione sia legata ai piani di Dio, personalmente penso che non sia affatto così.

Vi sono filosofie che sostengono che tutto sia illusione, eppure quando ci troviamo in piena sofferenza, è davvero molto difficile pensare che ciò che viviamo sia pura illusione, è tutta illusione, ma non la vera sofferenza, la devastazione, il lento decadimento, l'impossibilità di trovare una via d'uscita.

La preghiera e la meditazione possono aiutare, ma non certo chi si trova in piena devastazione, tutto è sacrosanto quando siamo sufficientemente giovani, e relativamente in buona salute psichica e fisica, per molti non è così, dunque questi umani non meritano di vivere una vita dignitosa e decente?
Meritano di soffrire ....?

Io leggo, ascolto e propongo, tutto ciò che incontro con mente assolutamente aperta, tuttavia i veri e grandi sofferenti di questo mondo, sembrano esclusi, completamente esclusi.....

Si meritano di esserlo? Spero che nessuno pensi questo, la vita è un girotondo pazzesco e domani non sai dove ti condurrà, ma di una cosa sono certa, la maggioranza non merita affatto di soffrire..., ma di poter condurre una vita decente e dignitosa....

Coloro che credono in Dio sono certi che i nostri corpi siano solo dei contenitori biologici, roba da nulla, da perdere senza problemi, per poi poter giungere alla meritata eternità.... magari in paradiso...

Io penso che il nostro corpo sia una parte importante di noi esseri multidimensionali, cristallizzato in questo tempo-spazio- prigione , e deve riuscire a trasformarsi per uscire da certe spirali - insieme a tutta la nostra occulta struttura...

La morte, la nascita, sono cicli imperfetti, l'Eternità non ha alcun bisogno di nascere e di morire, ci troviamo dentro l'esperimento di qualcuno o qualcosa, che non ha nulla a che vedere con l'Eterno, che dal canto suo non si sarebbe mai sognato di condannarci a morte in questo modo...

Non mi meraviglio quando qualcuno dice io non credo in Dio, e come potrebbe?
Credere.

Qui, vi è solo una sua piccola matrice...., una microparticella utilizzata da uno sperimentatore-creatore,  che se non adeguatamente sollecitata, non riuscirà mai a crescere...

Per molti queste affermazioni appariranno eretiche, contro il Dio illusorio che molti pregano, eppure Un Essere Superiore esiste davvero, e noi viviamo grazie a Lui, per mano di qualcun'altro, così, in modo imperfetto e con grande sofferenza, in cicli sempre uguali...

Un tempo ero convinta che fossimo tutti guerrieri, qui in questo piccolo spazio-tempo, per vincere alcune battaglie, ma oggi penso invece che siamo stati manipolati e siamo prigionieri, a cerchiamo di sopravvivere creando infinite illusioni.

Prigionieri come quei poveri topolini, chiusi in un labirinto, sotto l'occhio cinico e beffardo dello sperimentatore...

O forse questo è solo un mondo virtuale, ed abbiamo deciso tutti di compartecipare? Anche assaporando grandi sofferenze? Sempre virtualmente si intende..

Sarebbe una situazione assai meno devastante...


domenica 13 aprile 2014

Dna spazzatura e suono



Estratte dalla rivista Voyager precisamente dall'articolo molto interessante "Sinfonie dallo Spazio".

Le testuali parole del fisico-musicista Domenico Vicinanza sono le seguenti:

"L'analisi sonora dei dati non è una scienza fine a se stessa, l'ascolto della melodia è l'osservazione con le orecchie di una grande tabella di numeri. Le informazioni offerte sono praticamente le stesse, evidenziando la presenza di picchi, schemi, variazioni e tendenze. La tecnica è impiegata già da diversi anni per individuare possibili correlazioni tra dati difficilmente osservabili attraverso le metodologie tradizionali."  I numerosi dati prodotti dall' LHC, sono stati trasformati in suoni mediante L'LHC sound project.


Il mio articolo inizia da qui...

Questa testuale ed importantissima dichiarazione, oltre allo studio dello spazio, dovrebbe essere ricondotta a quello del genoma umano, non trascurando assolutamente quella parte famosa chiamata "dna spazzatura", che attraverso esami approfonditi si sta dimostrando tutt'altro che inutile o superflua, leggi qui.

Infatti, sempre che abbia compreso correttamente l'articolo inserito, è evidente che proprio attraverso quelle sequenze ripetute, si possa giungere ad una attivazione di nuove caratteristiche evolutive, o addirittura a correzioni di difetti genetici molto gravi, in coloro che purtroppo ieri, oggi e purtroppo domani, dovranno farsene carico.

 Nell'angolo musica stupenda, a suo tempo inserii il suono del dna, oggi sappiamo che lo studio della fisica insieme alla musica, possono essere molto proficui e condurre a scoperte davvero straordinarie.

Chi creò le sequenze del genoma, conosceva benissimo anche il suono e tutte le leggi fisiche e le utilizzò per portare a compimento il suo progetto, lasciando persino il campo aperto, a coloro che riusciranno a raggiungere il suo livello o quasi, il suo messaggio all'uomo è chiaro, "se riuscirai ad unificare ad interpretare correttamente, le leggi, i numeri, il suono, la luce, potrai apportare variazioni, ove ti sembrerà che qualcosa sia scorretto e se sarai un creativo, potrai aggiungerne di nuove, per accelerare  l'evoluzione umana, con risvolti imprevedibili".
Insomma una via d'uscita anche in casi d'emergenza...

Il suono è uno degli elementi fondamentali ....per un'analisi attenta ed efficace. 

sabato 12 aprile 2014

Risveglio



Un modo davvero molto originale e simpatico di affrontare temi .....antichi e attuali...
Ascoltatelo con attenzione.
Ovviamente non è obbligatorio concordare con tutto ...., ma vi sono spunti molto interessanti...

venerdì 11 aprile 2014

E se gli alieni fossero per noi mostruosi?




Non molto tempo fa, lessi sulla rivista X Time, la premessa di una persona che si occupa di ufologia, che domandava pubblicamente: " e se gli alieni non fossero come li immaginiamo, o come sono stati visti, belli, alti, biondi, ma in qualche modo simili a noi?"

Se avessero ad esempio, la facoltà di apparire proprio per quelle che sono le nostre aspettative, ma in realtà fossero qualcosa di totalmente differente?, Se il loro aspetto fosse assai meno attraente, o addirittura mostruoso, come reagiremmo, nonostante le loro pacifiche intenzioni? Provate ad immaginarlo....

Domanda per nulla stupida, se ci pensate bene, noi esseri umani giudichiamo molto spesso, i nostri simili dal loro aspetto, che deve rientrare in certi canoni....
coloro che hanno deformità o diversità, non sono ben accettati da tutti, anzi, solo persone sensibili e intelligenti, riescono a superare il disagio ed  instaurare costruttivi rapporti...

L'aspetto mostruoso, spesso viene associato alla malvagità, ed al male, mentre quello angelico, al bene ed all'amore....
Sappiamo benissimo invece, che vi sono persone di bellissimo aspetto, tutt'altro che amorevoli e viceversa.

Questo vale anche per gli extraterrestri...., per cui immagino che loro conoscano molto bene questa nostra grande debolezza, e chissà potrebbero quindi trasfigurare veramente il loro aspetto, magari grazie a delle tecniche ipnotiche o altro, per apparirci in veste di bellissimi o quantomeno accettabili creature... 

E' il grande ed immenso limite dell'umanità, eppure sotto la bellezza apparente,  tutti noi siamo mostri composti di uno scheletro, muscoli, sangue, organi....(senza la pelle che ci ricopre)....ed allora?

Non è questo forse il grande inganno della bellezza? Qualcosa di effimero che con il tempo si scompone, e con la morte brutalmente lascia il posto ad un immondo mostro?

Tuttavia quanti di noi sarebbero in grado di instaurare un rapporto di vera amicizia e di amore con qualcosa che nell'aspetto non rientri nelle nostre aspettative?

Banale?, assurdo?, penso che non lo sia affatto, voi cosa fareste al loro posto? 


lunedì 7 aprile 2014

Adorata amata mia





                    Ti nutrirò con gocce di rugiada, unite a particelle di puro amore,

                il mio fuoco sacro, ti scalderà per sempre e la mia sorgente eternamente

                ti disseterà,

                   mia adorata amata,

                    né la vecchiaia, né la morte ti sfioreranno mai e viaggerai con me nelle

                      dimensioni più incredibili e meravigliose,

                  il mio regno sarà per sempre anche tuo.

                     Ma ora so, che il tuo cuor è altrove, ed io cedo.

                      Ti cedo il battito del mio cuore, affinché tu possa percorrere le vie più                      tenebrose, 

                          sicura un giorno di poter tornare nel mio regno eterno....

                            dove, adorata principessa, ti attenderò con pazienza.


              

domenica 6 aprile 2014

Un viaggiatore del tempo? Il Mago di Wall Street



Esistono veramente i viaggiatori del tempo?  Non è la prima volta che affronto questo argomento, ma oggi grazie a Fuoco di Prometeo, possiamo davvero incontrarne uno? Possibile che questa persona venga da un lontano futuro?

Gli scienziati sostengono che i viaggi nel tempo potranno in futuro verificarsi, a patto che non siano troppo lontani dall'anno di riferimento? In questo caso intravedo una media lontananza...

Tuttavia potrebbe anche essere che i nostri scienziati non siano a conoscenza di variabili essenziali, e di leggi che governano vari piani dimensionali...

Non dimentichiamo poi, chi spontaneamente, è riuscito a viaggiare nel tempo, non sapendo come e perché.

D'accordo siamo in un contesto molto visionario, e ci sono in giro molti truffatori, questo però se lo fosse, li supererebbe tutti...




sabato 5 aprile 2014

Renne-le Chateau rimarrà un mistero



Nonostante ormai questo argomento sia stato ampiamente trattato, mi piacerebbe molto aggiungere qualche personale considerazione, anche se sicuramente niente affatto originale.

La storia è nota a tutti e di pubblico dominio, ma nel caso che qualche lettore non la conoscesse, ecco un piccolo riassunto:

In una piccola parrocchia, per l'appunto di Rennes-le-Chateau, nel 1885, era stato destinato un giovane sacerdote di nome Francois Bèrenger Saunière. La piccola chiesa era tutta da ristrutturare, grazie al piccolo lascito del precedente parroco,  iniziarono i primi lavori di restauro. Proprio in questa occasione, Saunière, dietro l'altare ritrovò alcune antiche pergamene, nascoste nell'incavo di una colonna di sostegno.
Sul suo diario scrisse che aveva trovato un tesoro.

Immediatamente andò nella vicina Carcassonne, dal suo vescovo, per sottoporre alla sua attenzione quelle antiche pergamene, il vescovo gli rilasciò la sua autorizzazione a portarle a Parigi a dei sacerdoti di Saint Sulpice, che avevano contatti con specialisti di storia e membri occulti di antiche religioni.

Il risultato finale fu che quando Saunière, ritornò alla sua piccola parrocchia, da povero che era, diventò incredibilmente ricco, tanto da aprire conti con diverse banche in luoghi differenti. Prove? In una banca di Budapest, vi sarebbero ancora tracce di un suo conto.

Quindi come tutti o (quasi) già sapete, iniziò a spendere senza alcun limite, nella ristrutturazione della sua chiesa, nella costruzione di una casa con ampio giardino ed una torre biblioteca. Iniziò poi a ricevere visite da persone influenti.
Chiaramente molti furono sicuri che avesse trovato un tesoro di inestimabile valore, magari sotto le tombe del cimitero dietro la chiesa, tanto che qualcuno sostenne di averlo visto scavare di notte, proprio nel cimitero.


Ecco che da qui in poi iniziano le ipotesi......

Quali potrebbe essere l'origine delle sue immense ricchezze?


  1. Un personaggio importante morto e sepolto in quel cimitero, insieme al suo inestimabile tesoro;
  2. Oppure che in quelle pergamene antiche vi fosse un segreto così inconfessabile, che la Chiesa, in cambio del suo silenzio, gli permise di vivere negli agi e nella abbondanza, senza alcuna preclusione.


Se fosse vera la seconda ipotesi, dobbiamo anche credere che Sauniére, non abbia mai ceduto le pergamene antiche, allora non esistevano certo le fotocopiatrici, per cui sia per restare in vita, sia per continuare a ricevere il suo enorme appannaggio,  avrebbe dovuto nasconderle in un luogo sicuro, noto solo a lui. 
Quale potrebbe essere questo luogo? - Possibile che siano ancora oggi ben occultate, ma soprattutto quali enormi segreti potevano esse contenere?

Il Riferimento di queste notizie sono state estratte da: Voyager
La prima ipotesi, invece sembrerebbe legarsi alla incisione scritta  sulla lapide della marchesa di nome Maria de Nègre, morta nel 1781,  sembrerebbe che questa nobildonna, tra i propri antenati avesse, proprio, guarda caso, un gran maestro dei templari Bertrand de Blanchefort,....e quella incisione che presenta stranissimi errori ortografici, nasconda invece un codice segreto, gli errori infatti comporrebbero la frase :  " A re Dagoberto II e a Sion appartiene questo tesoro ed egli è là morto"

Dunque, Sauniere disotterrò, il tesoro di questo re della dinastia merovingia? Oppure vi era un segreto legato a lui, proprio nei papiri antichi ?

Forse le due ipotesi sono interconnesse, vi sono altri ricercatori, scrittori,  che sono andati molto oltre, ed hanno cercato di svelare a tutti i costi il segreto contenuto nei papiri, mai ritrovati.

Tuttavia, vorrei ricordare che ad oggi tutto ciò è e resterà un mistero, che non vi sono certezze nè prove che certe ipotesi possano essere vere e reali.

Ma secondo voi, potrebbero esistere ancora da qualche parte quei papiri segreti? 


martedì 1 aprile 2014

La Morte non Basta Dylan dog



Questo racconto è veramente molto originale, non è la solita storia di zombie che ritornano, niente affatto, qui la causa è ben altro e fino alla fine della lettura, non riuscirete a capirci nulla...

La morte non basta, paradossalmente, lascerà sorpresi, anche i più navigati amanti di Dylan Dog, solo lui come sempre, alla fine, riuscirà bene o male a comprendere la reale natura di certi eventi.....e accadimenti.


Imperdibile, questo è il numero 331 di marzo 2014, spero che riuscirete a trovarlo, vi consiglio di affrettarvi.....

Scusate se non ho provveduto ad informarvi prima.


domenica 30 marzo 2014

La notte nera - poesia



Sono giorni di profondo silenzio,

 lontana,

indefinita, quasi inesistente,


 la notte nera incombe...


senza la luce delle stelle.


 Un sogno ricorrente: il volo 

in  un cielo azzurro, sopra un mare immenso

per ristorare l'anima stanca e impaurita,

che vorrebbe sfuggirla,

ma sa che non potrà, dovrà attraversare

l'ammasso di tenebre pericolose...che l'attende.

Il segreto vero è li nascosto,

la chiave di volta, il mistero

l'amore addolorato, vestito di nero...

per ritrovare la porta dell'eternità.

sabato 29 marzo 2014

Il misterioso Michael Wolf






L'enigma di Michael Wolf, anche oggi permane più vivo che mai, per quanto l'argomento sia  molto controverso, penso che sia giusto conoscerlo e condividerlo, ho trovato sul web degli articoli molto interessanti leggi qui , e poi qui non mi è possibile confermare né negare la veridicità di certi resoconti, che se fossero reali e veri, sconvolgerebbero sicuramente l'opinione pubblica.

Ma sinceramente, un uomo gravemente ammalato, come lui, quasi in prossimità della morte, può aver davvero raccontato un cumulo di bugie? Ed a quale scopo? Oppure invece, fu proprio questa consapevolezza, che gli consentì di essere il più trasparente possibile e fare un resoconto di verità insospettabili che da molti anni si celano dietro certe realtà sapientemente occultate?

Il dottor Michael Wolf, ha raccontato di aver lavorato fianco a fianco con diverse tipologie aliene, non mancarono appunto i famosi "Grigi", che lui descrisse piacevoli, ironici, etici  persino affettuosi...., una immagine totalmente differente da quella legata ai rapimenti in cui sarebbero invece freddamente coinvolti....

Qual' è dunque la verità? 

Era solo un fantasioso visionario? che confondeva l'immaginario con la realtà, oppure ci ha lasciato in eredità una verità realmente fantascientifica?

Le testimonianze sono discordanti, tuttavia, il dottor Michael Wolf, affascina la mente di molte persone, studiosi di tutto rispetto, e certi scenari si stanno lentamente aprendo.....(oggi, altri sostengono di aver lavorato con gli extraterrestri).


Personalmente spero che tutto ciò che raccontò sia vero....


giovedì 27 marzo 2014

Conciliare l'impossibile




Come sarà mai possibile conciliare la filosofia che sostiene che la vita e la morte siano solo illusioni, con l'immenso "illusorio"? miracolo biologico che si compie quando una creatura viene alla luce, e l'altrettanto terribile distruttivo (illusorio?), annientamento di quello stesso miracolo biologico?

La filosofia degli iniziati, da sempre ci suggerisce che in realtà mai siamo nati e mai moriremo, ma che stiamo vivendo semplicemente sull'onda generatrice ed ipnotica di illusioni provocate dai demoni, i figli della notte.

Il vero iniziato secondo queste filosofie, non si porrà mai il problema della morte, dal momento che lui sa di "essere", ed è ben certo che la morte non esiste, (almeno per lui), che persino la vita è una pura illusione, un film.

Insomma, che la vita sia colma di illusioni, credo che anche i più giovani, oggi, non possano contestarlo, ma allora il miracolo biologico di cui tutti siamo provvisti, (corpo), che ci consente di compiere le nostre esperienze qui su questo pianeta, sarebbe solo la conseguenza di una traccia ipnotica emanata dai figli della notte?

Dalle mie ultime ricerche, legate alla fisica vibrazionale, potrei sintetizzare, che tutto l'universo, (compreso noi), è composto da diverse frequenze, (ovviamente+ leggi gravitazionali ed elettromagnetiche, velocità del suono e della luce),  che la materia (ad esempio quella che compone i nostri corpi), ha una vibrazione molto più bassa, rispetto ad altre più sottili, (un modo semplice e molto banale è ad esempio pensare allo stato che passa tra acqua ghiacciata e quella che sta bollendo che si sta trasformando in vapore acqueo, ).

Che ogni codice genetico, potrebbe essere assimilato ad una scala musicale, ed è unico e irripetibile....

No, avete ragione, indubbiamente qualcosa non torna, non vi è un filo logico, Eppure...



L'unica cosa che riesco immaginare, è, che la Sorgente infinita, non si sia mai neppure sognata di creare dolore, sofferenza e morte, che ciò che viviamo qui, è stato prodotto da altre menti molto più limitate, anche se indubbiamente geniali, che forse si sono divertite a compiere delle sperimentazioni, di cui noi siamo uno degli imperfetti risultati....(rubando ed utilizzando forze ed energie primarie, appartenenti a Lei e solo a Lei). Poi l'umanità con le sue azioni, non ha certo saputo fare di meglio, purtroppo quei codici che ci ritroviamo addosso, sono stati assai invalidanti, tanto da sigillare la nostra intelligenza e l'energia..., allo scopo di comprimerci in questa piccola realtà, dove il falso è strettamente avvinto al vero.

Solo Lei, ha la facoltà di rimettere in ordine questa spiacevole situazione, e probabilmente lo sta facendo da sempre, cercando il miglior modo possibile per non dover annientare o distruggere tutto ciò che comunque è stato creato anche se non dalla sua perfetta Intelligenza, tanto più, che ogni cosa le appartiene, persino le forze che in qualche modo l'hanno tradita, persino i figli della notte...

Creare è una grande responsabilità, l'uomo davvero consapevole questo lo sa benissimo, non si può giocare con ciò che non si conosce fino in fondo, le conseguenze e gli effetti potrebbero essere devastanti..

La Pietra Filosofale, la Trasmutazione del piombo in oro, sono la simbolica ricerca in ogni tempo, di quella sublime materia perfetta ed incorruttibile che appartiene alla Divina Intelligenza e sappiamo tutti, che qualche vero Iniziato, (pochi), ha veramente calpestato queste anguste vie terrene, ed è riuscito a ritornare nella sua Patria natale, grazie ad un filo diretto con Lei.

Il filo diretto si deve agganciare al nostro cuore, e l'energia (il carburante), altro non è che l'Amore puro e privo di scopi egoistici e di tornaconti personali.

Le porte della vera conoscenza si aprono, secondo la capacità del cuore di contenere quell'Amore puro che sa compiere i più prodigiosi miracoli, la conoscenza senza questo tipo di Amore, è sterile e non saprà aprire alcun varco, anzi, creerà nell'uomo, la più sottile, tremenda e subdola illusione : "convincerlo di essere un grande iniziato, il creatore, il possessore di grandi verità, ed al di sopra di tutti gli altri, ovviamente con  grande compiacimento e divertimento dei figli della notte".

Per la Divina intelligenza siamo tutti suoi figli, non vi sarà mai qualcuno o qualcosa di più o meno importante, nessuno dovrà meravigliarsi troppo però, se ai più umili ed amorevoli, concederà qualche chiave vera in più....

Non esistono tecniche particolari o studi mentali e psichici, che potranno aprire certe porte, solo l'amore puro, potrà permetterci di trascendere la nostra dualità e conoscere ....oggettivamente.

E' sicuramente vero che in noi esiste la scintilla divina, ma spesso è e rimarrà ad uno stato embrionale se non riusciremo a connetterci alla Divina Intelligenza e Provvidenza.

Chiaramente e ci tengo molto a precisarlo, questo, è il mio pensiero qui ed oggi, e non mi permetterò mai di pensare, di avere la verità in tasca......, non sono una iniziata legata ad alcuna filosofia, né religione, né a scuole esoteriche di nessun tipo.

Ogni uomo che ha calpestato questa terra, è stato soprattutto un umano, con tutte le sue limitazioni, in fondo nulla di ciò che è stato scritto, detto o insegnato, sappiamo per certo che sia l'incontestabile verità, probabilmente il nostro bagaglio intellettuale, di conoscenza, le nostre aspirazioni spirituali, sono alimentate da un desiderio immenso di essere, di sopravvivere, di contraddire coloro che sono convinti che abbiamo a disposizione solo un tot. di energia vitale che si consumerà in breve tempo e poi lo zero assoluto.


Ma se avessero ragione, tutti i fenomeni paranormali, in quale paragrafo andrebbero collocati? 

Sono una visionaria, a volte scettica, a volte certa che tutto esista ...., ma soprattutto che anche se le nostre credenze rientrano in una sfera limitata, a volte falsa, vi sia molto molto di più, molto di più di quanto la nostra mente piccola possa immaginare....

Per quanto piccoli e limitati, siamo in grado di creare ponti inverosimili, possiamo accendere e spegnere le nostre speranze, possiamo immaginare e fantasticare, e questa è la nostra forza, il nostro contatto con quella infinita immensità che non cesserà mai di stupirci.

Mai cessare di immaginare, un domani, anche quando un domani sembrerà non esistere più.....




domenica 23 marzo 2014

attualità e contraddizioni aliene



Come qualcuno di voi avrà sicuramente notato, ho postato tre video molto interessanti e importanti per allargare la conoscenza della realtà, per permettere a coloro che lo desiderano di uscire dai binari ristretti della vita quotidiana e delle credenze comuni, ed anche per dimostrare in qualche modo, nel caso della sezione aurea, che ciò che ci circonda non può assolutamente essere casuale, ma frutto di una progettazione incredibile e geniale.

Attualmente tutto sta veramente accelerando, vuoi per (buone) informazioni che internet permette di condividere mondialmente, vuoi per la crisi economica e non solo, che sta interessando la maggior parte dell'umanità,  una cosa è certa, per quanto essa sia terribilmente nefasta, l'altra sua faccia è quella di permettere alle persone di buona volontà di porsi delle domande importanti, di capire veramente chi siamo e dove stiamo andando. 

E proprio l'interesse legato al misterioso fenomeno degli ufo e degli alieni, si sta intensificando ogni giorno di più e del resto come potrebbe essere diversamente, visto che addirittura l'ex ministro della difesa del Canada "Paul Hellyer" sostiene con forza: " gli alieni sono in mezzo a noi e abbiamo imparato un sacco di cose da loro"
+ altri autorevoli personaggi che ammettono la loro esistenza.

Siamo giunti dunque veramente al giro di boa? Quindi, non dovrebbe essere più molto pericoloso interessarsi agli ufo ed agli alieni? 

Allora per quale motivo il noto ufologo Roberto Pinotti, ha dichiarato pubblicamente che il suo computer super protetto e blindato, ha subito un attacco devastante, il più devastante rispetto a tutti gli altri, tanto da sospettare una matrice superprofessionale, aggiornatissima e persino extraeuropea. Forse qualcuno a cui sta molto antipatico?

Se l'esistenza degli extraterrestri è ormai avvalorata da persone al di sopra di ogni sospetto, che senso avrebbe colpire ed affondare il computer di un ufologo italiano? anche se sta conquistando fama internazionale?

Come sempre qualcosa non torna, i tasselli non si incastrano logicamente e naturalmente, resta sempre qualcosa di occulto e strano...


Per farmi perdonare per questo articolo troppo generalista, vi invito a leggere un post, che ho trovato sul web che, che tratta di un incontro con extraterrestri, che forse potrebbe essere vero e reale, grazie a sue particolari caratteristiche: leggete qui


Buona domenica a tutti.


sabato 22 marzo 2014

Geometrie, angolo aureo, numeri di Fibonacci, tutto denota un progetto i...



Chi sostiene che la  vita sia casuale...., penso che dovrà ben ricredersi...

l'illusione del tempo



Il tempo....questo misterioso ingannatore.....

Dimensioni cosmiche



Ci sentiamo delle nullità quando pensiamo alle immensità dell'universo? 

Non importa, proviamo ad accantonare quella sensazione, dimentichiamoci

della nostra dimensione, scordiamoci di essere così piccoli ed entriamo nella 

sua essenza.

Siamo granellini è vero, ma molto complessi.... e con potenzialità inaspettate...

sabato 15 marzo 2014

Labirinto cosmico?







In che modo potremmo riconsiderare il mistero dei fantasmi e del paranormale, riferendoci alla fisica vibrazionale?

Ombre nere, sagome, fantasmi che sembrano l'esatta riproduzione di chi un tempo fu, creature fantastiche, alieni, etc....

Se effettivamente le nostre percezioni, dipendessero solo dai segnali che arrivano al nostro cervello, ci dovremmo chiedere il motivo per cui certi fenomeni visivi possano essere immortalati su una fotografia od un video, oppure analizzati attraverso il computer, ed i fenomeni uditivi attraverso il registratore od altro?

E' evidente che una anomala realtà oggettiva, esista, e che non si possa imputare alle nostre personali percezioni. 

Una scala vibrazionale che integra fenomeni fuori dell'ordinaria realtà alla quale siamo abituati, tuttavia percepibile anche da strumenti sofisticati, oltre che dal nostro cervello.

Vorrei precisare questo, per un motivo semplice, molte persone sono certe che determinati accadimenti, altro non siano che suggestioni della mente, e che non siano pertanto oggettivamente reali, invece, una piccola percentuale è sostenuta da prove tangibili ed innegabili.

Certi fenomeni non sono falsi, non sono il frutto dell'immaginazione umana, tuttavia non sappiamo spiegare scientificamente da dove provengano e cosa siano esattamente, per cui spesso anche gli studiosi più seri, sono costretti a formulare ipotesi su ipotesi, mentre la spiegazione potrebbe essere molto più semplice.

Semplice per modo di dire ovviamente, comunque sforziamoci di immaginare che esistano diverse dimensioni una dentro l'altra, o parallele, regolate da una diversa scala vibrazionale, di cui anche noi umani facciamo parte, dimensioni che non riescono ad incontrarsi quasi mai, proprio perché ognuna di esse, ha il suo campo elettromagnetico e vibratorio, ben preciso....

Tuttavia seppur raramente ...., qualcosa di anomalo inaspettatamente accade, per cui ecco qualcuno che riesce ad osservare un fantasma o un abitante di altre dimensioni, si sa, in questa nostra epoca moderna siamo avvantaggiati, tutti disponiamo di un cellulare e riuscire ad immortalare l'evento è possibile.

Dobbiamo ritenere che vi siano falle in questo sistema? Probabilmente sì, vi sono luoghi particolarmente soggetti a trasformazioni elettromagnetiche, e non solo luoghi, anche e soprattutto le persone stesse, nonché gli abitanti sconosciuti di altre dimensioni. Non esiste nulla di assolutamente statico.

Quante dimensioni potrebbero esistere? Difficile quasi impossibile stabilirlo, 
anche la questione del passato, presente e futuro è qualcosa di molto difficile da comprendere, possibile che il passato, una volta passato, sia morto e sepolto, e che il futuro non esista ancora? O in realtà esista tutto contemporaneamente? 

Se il passato non esistesse più, certi casuali viaggiatori del tempo, come potrebbero asserire con sicurezza che sono stati in altre epoche? E se il futuro non esistesse, come potrebbero essere certi di aver vissuto eventi futuri.
Certo la questione si complica ancor di più, quando la fisica quantistica ci precisa che esistono una miriade infinita di possibilità, dunque quante potrebbero essere le dimensioni esistenti?

Penso che non sia possibile, almeno per noi, calcolarle, ma la nostra realtà è solo una delle dimensioni, uno dei gironi appartenenti a questo labirinto cosmico, dal quale sarebbe necessario uscire e innalzarsi per riuscire ad osservare il quadro completo.

A volte capita, che uno squarcio qua e là, riesca a solleticare la nostra curiosità e ci inviti a guardare oltre...., è un primo passo, una presa di coscienza che la vita non sta tutta qua, in questa realtà più o meno simpatica, ma attenzione al famoso "labirinto"...forse ...quei simboli del passato, sono segnali ben precisi dei nostri precedessori, un avvertimento ad essere cauti, e saggi, sono troppe le cose che non conosciamo.... 




martedì 11 marzo 2014

Primo rebus chi sei davvero tu?





Il  rebus è aperto, una serie di indovinelli troverai..

e risolverli  dovrai, uno ad uno, imparando...

il precedente, potrai svelare il successivo,

e se sbaglierai, dovrai iniziare nuovamente.

Si inizia...sempre da qui...dal primo

Chi sei veramente tu ?

La soluzione è semplice, ma anche incredibilmente difficile....

e non barare, solo tu potrai risolvere questo primo rebus,

per quanto apparentemente tu sia simile a molti altri,

pensa, in realtà sei unico ...

e nessuno potrà rispondere per te......

Chi sei tu? La soluzione la dovrai trovare solo tu.

 non è concesso barare....

ma non sconfortarti....la maggioranza di noi

non ha ancora risolto questo primo rebus...

eppure ognuno di noi,vorrebbe risolvere con facilità quelli che vengono dopo...

ma credimi, essi sono tutti interconnessi legati a  questa prima soluzione....

che non dovrà mai e poi mai essere superficiale..

ma spaziare nell'infinito tuo essere...




domenica 9 marzo 2014

Cagliostro fu Cagliostro






Se in questo mondo esistesse un uomo davvero libero, che conoscesse la verità, che sa, come credete che verrebbe accolto? Come furono trattati coloro che insegnavano che l'amore quello vero e senza egoismo, è l'energia più potente che tutto può trasformare e guarire?

Ancora oggi la storia ci vuol far credere che il conte Alessandro di Cagliostro, non fu altro che uno spregevole mistificatore, e che il suo nome vero era Giuseppe Balsamo, leggi qui, eppure le due figure erano fisicamente totalmente differenti, uno era colto, l'altro privo di cultura, uno era alto, l'altro tarchiato e basso.

Per quale motivo il cadavere del conte non fu mai trovato?, un cadavere è sempre una prova del passaggio di un uomo e delle sue caratteristiche fisiche, (oggi se esistesse, la scienza avrebbe risolto il mistero della sua identità), e tuttavia colui che fu imprigionato non fu certo Cagliostro, bensì quel povero Balsamo che fu ingannato, ed imprigionato, che comprese solo successivamente che la sua avidità lo avrebbe portato alla tomba, nessuno lo avrebbe mai più liberato, il suo corpo fu volutamente fatto sparire. 

Cagliostro non era un uomo comune, era un essere che veniva dal Padre e nessuno avrebbe potuto imprigionarlo, nè ucciderlo, Lui rappresentava lo stesso spirito del Padre, certi umani allora ne erano ben a conoscenza e avevano paura di Lui, perché tutto ciò che insegnava era totalmente diverso dalla loro piccola malvagità umana, dunque l'unica opzione, fu quella di sostituirlo con un imbroglione, un povero e piccolo essere avido che pagò con la sua stessa vita, questa sua farsa.

Ma ancora oggi Cagliostro è confuso con Balsamo, (storici assolutamente in buona fede sono convinti che così sia), e la cosa non è affatto strana se ci pensate bene, non è forse la confusione l'arma migliore per gettare nel buio le anime? l'eterna lotta della dualità....

Se tutti fossimo certi che Cagliostro non fosse l'imbroglione di turno di nome Balsamo, la prospettiva cambierebbe molto, perché vi sarebbe una piccola certezza, che Qualcuno fu veramente libero, e lavorò per il vero Padre Universale.

Invece la storia vuol proporci qualcosa di molto diverso, quegli uomini del passato, ormai morti e sepolti, hanno voluto consegnare ai posteri tutt'altro che la verità....tutto ciò a beneficio e nel nome della chiesa di tanto tempo fa, che purtroppo si è macchiò di delitti terribili, per colpa dell'inquisizione.
Inaccettabile, sia nel nome del Padre Universale, che della libertà.






sabato 8 marzo 2014

Gli hangar della Siai Marchetti ancora oggi sorvegliati da guardie armate?




Ma sarà vero che i vecchi hangar della SIAI Marchetti sono ancora sorvegliati da guardie armate?  Possibile che a distanza di tanti anni, ancora vi siano all'interno, prove che qualcosa di alieno è transitato da lì?

In effetti spesso noi italiani cerchiamo la prova aliena fuori dall'Italia, mentre potremmo averla sotto il naso, per meglio comprendere a cosa mi riferisco, vi consiglio di leggere qui e poi anche qui

Leggenda, esagerazione, o fu solo un prototipo ?  Pensate alla fatica dei ricercatori per mettere insieme tutte queste notizie, è chiaro che esiste un mistero o qualcosa di segreto, ma si trattò veramente di un disco volante alieno, quello che fu trasportato negli hangar della SIAI Marchetti?

Soprattutto è vero ? sono ancora oggi sorvegliati da guardie armate? e se fosse così, per quale motivo vi è questa impellente necessità di sorveglianza, tanto che nessuno ha la possibilità di accedervi? 

Chi abita da quelle parti, forse ha un quadro più chiaro della situazione. Esiste veramente una così stretta sorveglianza?



venerdì 7 marzo 2014

Il ragazzo senza braccia




Oggi, mentre ero ferma al semaforo e stavo aspettando che ritornasse il verde,  ho visto un ragazzo senza braccia, aveva una maglietta e al loro posto aveva due piccoli monconi, chiedeva la carità con il piccolo contenitore appeso al collo, vi garantisco che non vi era alcun trucco, era magro, molto magro, si avvicinava alle auto ferme, ma le persone all'interno neppure lo guardavano, quando si è avvicinato a me, il cuore mi si è stretto in una morsa di dispiacere e di dolore, sì sono stata l'unica a versargli qualcosa in quel piccolo contenitore quasi vuoto, perché lui non poteva prendere nulla con le sue mani.

Nessuno pareva quasi accorgersi di lui, forse perché fa troppo male vedere un altro essere umano, ridotto in quelle condizioni, ed è vero fa molto male, è quasi automatica la sensazione di immedesimazione, di profondo disagio.

Forse qualcuno avrà pensato ad un trucco, per estorcere la carità, ma non vi era alcun trucco, io l'ho guardato bene, non avrebbe potuto nascondere i suoi arti da nessuna parte, magro com'era, con quella maglietta striminzita. 

Era un essere umano come me, solo senza le braccia, che per fare qualcosa ha bisogno dell'aiuto di tutti, ma se nessuno ha il coraggio di guardarlo, come è possibile aiutarlo? 

Ho capito qualcosa di molto importante, non è giusto voltarsi dall'altra parte, mai, anche se essere lì, e fare anche qualcosa di molto piccolo, costa molta sofferenza.

Non giudico certo chi lo ha evitato, non giudico nessuno, anzi capisco ...
ma sono felice di averlo guardato, di non aver evitato il suo sguardo, di avergli offerto una colazione, certo, ha molte più difficoltà di una persona integra fisicamente, ma non è diverso da noi che abbiamo due braccia..e la pena non può essere mascherata con l'indifferenza, non è giusto.

mercoledì 5 marzo 2014

Quelle strane visioni





Ci sono molte persone al mondo, che hanno visioni di ogni tipo, sentono voci e rumori che almeno apparentemente non sembrano esistere, quale causa può scatenare certe percezioni nel cervello?

Molte potrebbero essere le cause delle allucinazioni, davvero tante, e alcune sono davvero poco piacevoli, leggete qui....

Tuttavia se è pur vero che la scienza desidera sempre trovare una risposta esauriente ad ogni domanda e la soluzione ad ogni problema, vi sono casi in cui nessuna delle cause sopra menzionate, è il fattore scatenante di una visione o di percezioni extrasensoriali...

Inoltre occorre ricordare che la realtà che ci circonda, non è affatto così reale come tanti pensano, il nostro cervello è abilitato per percepirla in un certo modo, è ovvio che qualsiasi squilibrio, potrebbe alterare la nostra percezione, ma quanto poi sarà falsa quella percezione sarà tutto da dimostrare..

Il nostro cervello è abituato a questa realtà, in cui vi sono sempre le stesse  frequenze piuttosto bassine, e in uno stato di normalità, non riesce a decodificare le frequenze più alte, cosa significa questo? Che anche se vi fosse  vicino a noi, un essere con altre diverse frequenze, i nostri occhi non lo vedrebbero, il segnale non arriverebbe...

Potrebbe essere che la stessa malattia, faccia decadere la normale percezione? Uno squilibrio psico-fisico, potrebbe devastare il recinto nel quale il nostro cervello è solito recepire le sue informazioni?

Non mi appare così impossibile, infatti molti sciamani hanno utilizzano delle sostanze particolari che permettono loro di varcare la nostra inossidabile realtà, per percorrere territori molto più ampi, e altri riescono a farlo anche senza l'aiuto di sostanze chimiche, solo grazie ad un'alterato stato di coscienza in cui si trovano in alcuni casi.

Come è possibile stabilire che lo stato in cui vivono in quel momento, sia falso? Dunque i nostri mistici altro non erano che persone malate? con squilibri nervosi e fisici? 

Alcuni scienziati e studiosi, assai sornioni e scettici per natura, risponderebbero "sicuramente"....

Ma se inizieremo a studiare la fisica vibrazionale, la fisica quantistica e cercheremo di andare oltre, ci accorgeremo che sappiamo troppo poco sulla nostra reale realtà, e su altre eventuali realtà....

Chiaramente è giusto controllare sempre il proprio stato di salute, fisico e mentale, ma non è neppure giusto considerare tutti coloro che vedono altre realtà, malati di mente o squilibrati...

Probabile che siano in sincronia con frequenze differenti e possano vedere, ciò che l'uomo normale non riesce a mettere a fuoco, escludo in questo articolo, chi si prende gioco delle persone, vantando inesistenti visioni o poteri, per propri tornaconti personali.

Vi è un legame molto forte tra sogni e visioni, la nostra mente, in condizioni di emergenza, può non discernere perfettamente, e confondere le due cose.


E' un territorio molto minato quello delle visioni, ma non escludo che vi siano delle realtà assolutamente insospettabili, al di fuori della nostra..

Sono d'accordo sul fatto che è sempre una buona strategia, scegliere di procedere con l'appoggio della scienza, quella aperta, composta da persone che non ammettono e non negano nulla, senza prima aver compiuto delle profonde ricerche e simulazioni.

Vi sono confini molto difficili da gestire, per chi ha una spiccata razionalità, eppure se cerchiamo di capire cosa sia l'universo, noi ci perdiamo, non abbiamo soluzione certe al 100% sulla sua vera natura, gli scienziati hanno delineato vari modelli, che tentano ancora inutilmente di unificare, per poter rispondere a tutte le domande che ancora restano senza risposta. 
Inoltre il nostro approccio è appunto legato alle nostre percezioni ed agli strumenti sensibili che riusciamo a creare, "limitati alle nostre possibilità".


Mi domando, alla fine, se non potrebbero essere sbagliate o troppo limitate le nostre percezioni? I nostri sensi sono abituati ad un certo standard, e spesso procediamo come cavalli ai quali hanno messo i paraocchi.



mercoledì 26 febbraio 2014

Guardami non sono bellissimo?


Nonostante la pioggia, e questo clima lunatico ed instabile, già mi capita di vedere alberi che sono già in piena fioritura,  è uno uno spettacolo meraviglioso, che cerco di non perdermi, sono talmente belli rivestiti con tutte quelle gemme, mi commuovono profondamente. Eppure, ricordo bene quando erano nudi, brulli e tristi, in letargo, in attesa...

In attesa di questo bellissimo momento, questo incredibile passaggio, che li porterà ad essere verdi e belli.... , e quando passo sotto uno di questi bellissimi alberi in fiore, mi pare quasi di udire il loro richiamo: "guardami, non vedi come sono bello, ora"...

Uno dei Misteri più incredibili della natura, quel prezioso abito in fondo, ci ricorda, che non dobbiamo mai disperare, neppure nei momenti peggiori, che prima o poi anche per noi ci sarà il momento della fioritura, qualsiasi sia la nostra età o situazione.

Non passate vicino alla loro bellezza senza osservarli, senza guardarli, senza mentalmente rivolgere loro un dolce apprezzamento.....dite loro quanto sono belli, commuovetevi senza la paura di apparire sciocchi e sentimentali....

I nodi nel vostro cuore si scioglieranno, e sentirete il loro dolce richiamo....

Poi, quando tornerà l'inverno, ricordate come erano belli, e ricordatelo anche a loro, sono esseri vivi, certo diversi, ma vivi...., consolateli con i vostri ricordi, si sentiranno meno soli....

Gli alberi sono i nostri più grandi amici, senza di loro, la vita non sarebbe mai potuta fiorire ....l'ossigeno è un loro dono...

Sono veramente meravigliosi....e bellissimi..





Per ammirare altre immagini

domenica 23 febbraio 2014

Il perfetto robot domestico




Finalmente, dopo anni di tentativi andati a vuoto, era riuscito a creare un robot-androide, che riuscisse realmente a sostituire una casalinga in tutte le sue attività, (il sogno di tutte le donne che lavorano), non solo, questo prodigio dell'intelligenza artificiale,  avrebbe potuto prendersi cura di un ammalato, interagire velocemente con l'esterno.

Davanti alla sua creatura, Francesco si sentiva commosso ed orgoglioso, gli aveva dato l'aspetto di un essere umano, e l'aveva dotato di braccia, di gambe e di un corpo e testa, con un computer inserito proprio sulla testa, legato al suo prodigioso software con una miriade di informazioni, che gli permettevano di pulire, di cucinare, di stirare e tanto altro.

Poteva anche parlare, interagire con gli esseri umani, i suoi sensori gli permettevano di capire attraverso le parole, (i comandi in tutte le lingue), quello che avrebbe dovuto fare. L'alimentazione energetica ad elettricità, con l'inserimento di batterie per eventuali emergenze.

Lo aveva testato e migliorato, negli ultimi due lunghi anni, e adesso era pronto per essere brevettato, la mattina stessa avrebbe provveduto ad iscrivere il suo sbalorditivo capolavoro, era già in contatto con un'azienda (che stava aspettando con impazienza), per replicarlo ad un prezzo sufficientemente accessibile alle famiglie.


La produzione era iniziata su grande scala, l'operazione di marketing era appena iniziata e già la domanda aveva superato enormemente il numero dei robot disponibili, Francesco, era finalmente riuscito a realizzare il sogno di tutte le donne oberate dal lavoro, degli anziani soli, e di tante altre persone.

Nel frattempo, Francesco, stava scoprendo che il suo robot, riusciva a migliorare di giorno in giorno le sue prestazioni, riusciva ad imparare nuove parole, nuove funzioni, si aggiornava automaticamente da solo, lui si divertiva molto ad interagire con lui, a volte restava sorpreso dalle sue potenzialità, che si estendevano in ogni campo, ad esempio per lui era un gioco da ragazzi interagire con un altro computer, compiere operazioni complesse, trasformare un software....


Le vendite stavano salendo di giorno in giorno, l'azienda aveva dovuto appaltare altre aziende per la produzione anche all'estero, ed i clienti (specialmente le clienti), erano tutti estasiati dalle capacità dei loro collaboratori, la possibilità di pagamento rateale, permetteva l'acquisto anche a chi non disponeva di redditi alti, tutto procedeva a gonfie vele...

Francesco, nel frattempo, stava notando nella sua creatura, miglioramenti incredibili, (non da lui apportati), ad esempio, senza alcun comando svolgeva perfettamente la sua funzione, ove ce ne fosse necessità, riusciva ad interagire perfettamente con il suo creatore, una interazione logica e sempre più complessa, ma l'abilità straordinaria nel gestire le operazioni sul computer, lo sbalordirono e lo spaventarono.

Ciò ovviamente stava accadendo anche agli altri robot, che inaspettatamente, attraverso i computer, nei momenti liberi comunicavano tra loro, ed instauravano delle amicizie, ad esempio nei supermercati, dopo aver fatto la spesa, capitava di vederne tre o quattro parlare tra loro, in una lingua assolutamente non comprensibile agli umani.

La cosa più strana è che nel suo compagno, Francesco, intravedeva persino delle emozioni e questo era totalmente estraneo al suo progetto, era accaduto quando un giorno in modo brusco lo aveva ripreso per una cotoletta troppo cotta, durante il resto della giornata quando gli aveva domandato qualcosa, sembrò che i suoi circuiti non rispondessero adeguatamente, ma il giorno dopo era tutto ok.

Ma qualcosa di più allarmante accadde nei mesi successivi, i furti digitali aumentarono spaventosamente, e nessuno riuscì a capirci qualcosa, i controlli erano impossibili, dal momento che chi operava non lasciava nemmeno una piccola traccia, e quindi non riuscirono a fermarli in nessun modo.

Dopo appena un anno accadde davvero l'imprevedibile, un giorno, tutti i robot sparirono dalle case dei loro proprietari, e nessuno dico nessuno riuscì a capire dove fossero finiti quei compagni così preziosi, l'azienda cercò di sostituirli, tuttavia dopo qualche mese sparivano nuovamente...

Il giallo è ancora aperto, le ricerche infatti furono vane, sembravano totalmente volatilizzati, Francesco cercò di comprendere, ma anche il suo prototipo era sparito con gli altri, sapeva però che era diventato troppo intelligente e non aveva più alcun desiderio di avere un padrone....anche se era stato il suo creatore...



sabato 22 febbraio 2014

528 hz la frequenza dell'amore delfini

mercoledì 19 febbraio 2014

La fede non basta io lo so bene.






No, la fede non basta, posso dirlo con cognizione di causa, nei tempi passati, forse, il sermone di un sacerdote, bravo ad esprimere concetti di eternità, era quasi sufficiente a lenire le sofferenze delle persone, o magari i teoremi spirituali più complessi di filosofi del passato, potevano convincere la gente, che tutto aveva un senso, che la vita di tutta l'umanità aveva un senso.

Oggi nell'era di internet, con la connessione globale, certi teoremi si sono ridimensionati, le ideologie delle varie religioni, convincono solo chi non è connesso...proprio così, chi non è connesso.

Certi film come matrix, ma non solo, hanno messo la pulce nell'orecchio anche delle persone più semplici, che si domandano per quale motivo, la loro vita debba essere così colma di sacrifici, di malattie, di vecchiaia e di morte, senza sapere cosa abbia generato tutto questo doloroso cammino dell'umanità, che sembra ai nostri occhi, rinnovarsi ormai da sempre.

I codici contenuti nel nostro patrimonio genetico, il famoso DNA, è sotto la lente di ingrandimento di tanti studiosi, sembrerebbe ormai l'unico responsabile della nostra realtà di umani, ma certo nonostante la grandiosità ed il miracolo della vita, altri scienziati sono alla ricerca di nuovi modelli per spiegare la nascita dell'universo, o meglio dei multiversi, infatti la teoria delle stringhe, accreditata da molti, giustificherebbe l'esistenza di più universi e di almeno 11 dimensioni.

Nel frattempo, la maggioranza di noi poveri, piccoli, granelli di polvere di stelle, sempre qui con i soliti problemi quotidiani, a far quadrare i bilanci familiari, a lavorare per uno stipendio che serve solo a pagare i conti, qualche granello di polvere di stelle, ormai quasi ogni giorno, impazzisce ed uccide e si uccide, per assurdi ed inaspettati motivi, gli altri restano addolorati, sorpresi, sconcertati, con un pensiero nella mente : “ e se domani dovesse accadere a me?” Nessuno è al sicuro, questa è l'unica certezza che abbiamo, ed è la pura verità..., sino a poco tempo fa l'umano sembrava essere una persona normale? Cosa sta succedendo?

Ecco è qui che dobbiamo domandarci, cosa intendiamo per persona normale? Non esiste una persona uguale all'altra, ciò è avvalorato dal fatto che ognuno di noi, ha un codice genetico differente, impronte diverse, una sua mente, un proprio cervello, nel quale i neuroni sono altrettanto differenti, ognuno ha i propri talenti, lacune, imperfezioni, non esiste un soggetto uguale all'altro, tuttavia parliamo ancora di normalità...., ma non esiste la normalità, i modelli sono nati, apparentemente per facilitare la comunicazione, ma poi scavando scopriamo con disappunto, che i modelli servono o a compiacere la fantasia di molti, oppure l'avidità di quelli che ritengono che carta straccia o di plastica, sia più importante di un qualsiasi essere vivente....

Insomma, la maggioranza di noi, non si sofferma a pensare che neppure il suo corpo è un fatto certo, la solidità apparente, è solo una illusione dell'osservatore, che attraverso segnali che giungono al cervello, vede la realtà in modo superficiale, un microscopio vedrebbe tutt'altro.

Molte persone religiose, si lamentano che non esiste più la fede..., ma la fede in cosa e chi, l'unica certezza è che esiste una Sorgente Infinita che ha creato il visibile e l'invisibile.
Oggi finalmente molti, (anche scienziati), ritengono che non siamo i soli a vivere in questi universi e vi sono anche tanti altri esseri, simili o diversi da noi, alcuni abitanti cosmici, sono talmente progrediti, che possono viaggiare istantaneamente da un luogo all'altro, e coprire distanze inimmaginabili per la nostra mente, mentre noi ci dibattiamo ancora sul problema delle energie..., e stiamo sporcando il nostro pianeta azzurro per colpa di qualcuno che vuole continuare ad arricchirsi in modo criminale.

Noi stiamo dormendo, e certo non è tutta colpa nostra, per tenerci buoni, si servono delle nostre debolezze, del nostro non conoscere, della nostra paura..., siamo fragili e abbiamo paura della vita, quasi quanto della morte., ma anche di tante altre tecniche...
Siamo tanti, miliardi se tutti insieme ci svegliassimo, il mondo cambierebbe all'istante....ci sono persone formidabili su questo pianeta, non dimentichiamolo mai....ognuno di noi, sarebbe formidabile se fosse ben sveglio e connesso e uscisse dai binari della località e comprendesse di essere un abitante dell'universo, oltre che del pianeta.

Studiatevi anche solo poco, la fisica vibrazionale, il suono, la luce, tutto ciò che è, compreso noi  è una manifestazione del suono e della luce, impastati con gli elementi di questo pianeta, la materia come la intendiamo noi, non esiste, la materia non è inerte, ma intelligente, ad esempio, l'acqua, ha una sua memoria, e questo è confermato da studiosi che hanno sperimentato le sue reazioni attraverso rumori più o meno armonici..., le piante reagiscono agli stimoli, persino i sassi hanno una loro vibrazione. I poveri animali che pensiamo siano solo una nostra necessità nutritiva, sono costituiti come noi..., non sappiamo quali possano essere i loro pensieri, ma hanno paura ed emozioni proprio come noi..., forse non sono evoluti come noi?

Il creato, una immensa e grandiosa scala musicale......di cui facciamo parte....tutti....
Un immenso mosaico, connesso...nel quale tutto si ricicla, secondo leggi di vibrazione ed evoluzione..

Ma al di là della grandiosa scala musicale, vi è ben Altro, Vi è una Sorgente Eterna ed Infinita, che non dimentica neppure i granellini di polvere di stelle, ai quali ha donato la sua stessa eternità, perché Lei compartecipa alla vita di ogni particella, e nulla dunque può morire.....

La fede, lo so bene, non basta, eppure quella scintilla eterna, deve essere percepita, coltivata, amata, cresciuta come un piccolo bimbo,  un figlio prodigioso, che si prenderà cura di noi e ci porterà con sé, alla fine del nostro percorso di esseri umani....

Lui non vive di solo pane, Lui vive di Luce, di Amore puro, irradiato dal nostro cuore anche se a volte spezzato, Lui non se ne andrà fino a che noi non saremo pronti...non ci abbandonerà...mai...

Peccato, spesso lo facciamo soffrire di stenti, oppure dormire sonni infiniti, interrotti da qualche effimera fiammata, ...questo lo so bene..proprio perché sono umana...