venerdì 3 febbraio 2012

Chi è Angie Ginev?



E' passato del tempo, da quando ho iniziato a scrivere in questo blog, forse qualcuno di voi si domanderà se "Angie Ginev" è il mio vero nome, no, non lo è, è "un nome d'arte", o avatar se così lo vogliamo chiamare.


Tuttavia posso garantirvi, che non mi identifico con nessun nome, reale o fittizio che sia, come non mi identifico con il mio stato sociale, o i miei dati anagrafici, nulla potrà svelare "chi sono io" e ciò non vale solo per me, ma per tutti gli esseri umani.


Stranamente o forse giustamente, più passa il tempo e più trovo difficile identificarmi con il mio nome e cognome, che mi è utile solo per intrattenere delle relazioni sociali, a volte di importanza molto relativa...già, perché la maggioranza delle persone che frequento a volte anche per causa di forza maggiore, non mi conoscono veramente e forse non desiderano neppure farlo, prima di tutto dovrebbero conoscere profondamente se stesse.


Sono ormai anche troppo consapevole che molti esseri umani, vedono in me, ciò che si agita in loro, o comunque mi giudicano in modo totalmente superficiale e spesso errato, è un gioco ormai logoro, al quale mi sottraggo volentieri, se mi è possibile. Io non vedo più me stessa in loro, né li giudico, le loro percezioni sono lontane anni luce dalle mie....certi giochi sociali ormai li ritengo obsoleti...


Non vivo di certezze o di ostinati credo, cerco costantemente di comprendere...ed attraverso questa conoscenza di me stessa, mi trasformo..sono in continua evoluzione...ma chi potrebbe notarlo?


Ho le mie fobie e le mie paure, come tutti gli esseri umani, che cerco di integrare, e non di occultare, oggi finalmente so che nulla è stato vano, a mai nulla lo sarà, nè il dolore, nè le delusioni, nè il piacere, nè le ansie, neppure le fregature, insomma nulla di ciò che anche di terribile, ha influenzato la mia vita.


Tutto è servito, affinché non mi fermassi ad una visione cristallizzata e limitata.
E' per questo che mi sottraggo con tutti i mezzi, ai superficiali giudizi altrui, perchè so che nessuno può conoscermi realmente e profondamente, neppure io..e quando purtroppo qualche mia azione o parola, non è così nobile come un tempo avrei voluto, oggi non mi strappo i capelli, so di essere umana ed imperfetta, e l'ho accettato, so di commettere errori, ma anche di imparare da essi, in modo di poter diventare una persona migliore...


Dunque chi è " Angie Ginev" ? Nessuno e niente in realtà, solo un nome, una parola che nasconde un essere meraviglioso e misterioso, complesso e semplice, proprio come molti di voi, che magari navigate sul web, alla ricerca di conoscenza, di misteri....


"è per questo che voglio essere qui...."




Ricordate? in molti miei articoli parlo di cinque elementi che ci compongono, il quinto è l'energia che ci permette di vivere, insomma al nostro essere non interessa avere un nome...." lui è già", e non ne ha affatto bisogno, a differenza della nostra cultura e rete sociale.


Grazie a tutti di essere qui.




P.S.  Sono spiacente, quando ho deciso (telepatia) di scrivere un articolo su 
Angie Ginev,
non avevo ancora letto l'articolo della mia cara amica LadyGhost, nel blog Pensiero Spensierato, la ringrazio infinitamente per avermi menzionato, scrivere un altro articolo su di me?  e rieleggere altri 15.blogger..? Sta  Diventando sempre più difficile ragazzi miei...


Vedrò cosa potrò fare, per cui...abbiate pazienza.....lasciatemi pensare...


Grazie...





18 commenti:

  1. Posso comprendere lo stato d'animo e le riflessioni. Spesso, persino le persona che ci stanno accanto sembrano non comprendere.
    Pigrizia? Egoismo?
    Esistono tanti blog anche per questo. Per essere "visti" e compresi, anche se in parte. Per essere letti, quindi ascoltati e non essere trasparenti.
    Poi ragazza mia, se hai passioni come le nostre e sei donna vieni classificata già in partenza come "stramba"!

    RispondiElimina
  2. Vedo che sai di cosa sto parlando, anche tu hai le mie stesse passioni..."stramba" è il minimo...credo, ma non me ne curo e non mi offende, anche se preferisco sottrarmi al giudizio di chi queste passioni non le ha...
    Grazie di esserti iscritta, è un vero piacere per me...
    Ciao
    Angie

    RispondiElimina
  3. Che dovrei dire io che mi chiamo LadyGhost? E chi mi addita come una pazza perchè amo i fantasmi, ho piante carnivore con cui parlo e adoro il mistero, non posso che dire: è vero, sono diversa, ma sono unica proprio perchè diversa!Guarda avanti amica mia che sei unica e speciale come ciò che scrivi. Ti voglio un mondo di bene!

    RispondiElimina
  4. E certo che lo so, ti sento profondamente amica perchè sei speciale, perchè ricerchi e sei appunto unica...e ti voglio un mondo di bene anch'io...
    Cara LadyGhost..è stata per me una felicità inaudita, conoscere te, Nick Edu e tanti altri, che sento vicini..., ma l'essere speciale è in tutti, anche in coloro che sono distratti altrove..prima o poi arriveranno.
    Un bacione immenso
    Angie

    RispondiElimina
  5. Per me è un piacere essere qui.
    E non ti curare del giudizio altrui, se dovessi preoccuparmi io di cosa pensano tante persone di me per le mie passioni starei fresco.
    E invece noi dobbiamo essere sicuri e orgogliosi di come siamo.
    Testa alta e schiena dritta, amica mia.

    RispondiElimina
  6. Grazie Nick, tu sei un caro amico per me...
    Ti ringrazio...anch'io sono felice delle mie passioni...
    Un abbraccio grande
    Ciao
    Angie

    RispondiElimina
  7. Le piante carnivore sono tenere..:!

    RispondiElimina
  8. Ognuno segue il proprio "istinto",non la vedo giusta dire che chi cerca la verità oltre le apparenze è strambo,neanche diverso,come chi,non temendo cose di fronte alle quali i piu' preferiscono scappare,viene classificato pazzo,solo fatto a modo suo,voi siete semplicemente fatti a modo vostro.
    ciao.

    RispondiElimina
  9. Lady Simmons, le piante carnivore sono tenere?
    Beh! noi anche siamo carnivori e teneri da bambini...
    poi, dopo lasciamo perdere...
    Ciao
    Angie

    RispondiElimina
  10. Grazie Falcon, direi che ognuno ha la sua capacità di percepire la realtà...in base alla propria sensibilità ed alle proprie esperienze...
    Grazie comunque, sì siamo fatti a modo nostro..e non solo noi, penso...
    Ciao
    Angie

    RispondiElimina
  11. Intenevo dire sono tenere perchè mi fanno tenerezza! Perchè non sono le piante più scelte...! Non intendevo mica dire che sono commestibili!!

    Grazie per la visita nel mio blog!

    RispondiElimina
  12. Faccio mio questo periodo: "Io non vedo più me stessa in loro, né li giudico, le loro percezioni sono lontane anni luce dalle mie....certi giochi sociali ormai li ritengo obsoleti...". Concordo, il mio sentirmi incompreso è ormai a livelli altissimi, ma la crescita interiore macina sempre alla grande.
    Dopo queste parole ti stimo ancor di più. E ci sei, sei una personal percepibilissima nel tuo essere.

    Luigi

    RispondiElimina
  13. Lady Simmons ti nominerò...tranquilla...lo farò
    proprio sul mio blog ...Grazie della tua precisazione...
    Ciao
    Angie

    RispondiElimina
  14. Carissimo Luigi, sono lieta che tu abbia fatto tuo quel mio periodo non comprensibile a tutti, ora so che siamo in sintonia e questo mi fa sentire bene.
    La tua stima è preziosa...tanto preziosa...
    e ti ritorna la mia...."tu sei" amico mio.
    Un abbraccio
    Angie

    RispondiElimina
  15. "Sono ormai anche troppo consapevole che molti esseri umani, vedono in me, ciò che si agita in loro, o comunque mi giudicano in modo totalmente superficiale e spesso errato, è un gioco ormai logoro, al quale mi sottraggo volentieri, se mi è possibile."
    Ho citato questa frase perchè hai riassunto perfettamente il nocciolo delle relazioni umane, con una semplicità che la mia mente contorta non avrebbe mai saputo trovare!
    Non facciamo altro che amare e odiare negli altri quelle stesse cose che amiamo e odiamo di noi, in un infinito gioco di specchi e proiezioni, spesso idealizzando il prossimo o attribuendogli pregi e difetti che la persona in questione non si sogna nemmeno di avere.
    Io questo meccanismo l'ho capito, almeno credo, ma non sono ancora in grado di tirarmene fuori. Anche se so che questo "gioco" è solo un filtro, una lente che distorce la realtà, rimane il solo modo che conosco per cercare di comprendere gli altri! Se solo ci fosse un modo per "andare oltre", e cogliere degli altri la vera essenza...!

    RispondiElimina
  16. Piano piano si riesce ad uscire dal gioco degli specchi, non è semplice, occorre osservare se stessi e le motivazioni interiori...infatti io desidero cogliere in me la vera essenza, e questo anche nelle persone, ma come sai lo specchio oltre a riflettere fa anche da schermo, da ostacolo e quindi ciò diventa difficile, è per questo che se mi è possibile mi sottraggo.
    Un bacione
    Angie

    RispondiElimina
  17. Ciao Angie, ognuno di noi racchiude in sé l'unicità
    della propria indole. Siamo nomi, pensieri, parole, sentimenti, azioni.Respiriamo sotto lo stesso cielo e guardiamo la stessa luna, ma abbiamo in comune solo la vita e la morte, il resto, ciascuno è un mondo a sé, e tutti i giorni percorriamo un pezzetto di strada per cercare di conoscerci meglio.
    Vivi solo curandoti di Te e i giudizi altrui lasciano il tempo che trovano

    Un grande abbraccio
    S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie sono d'accordo con te, siamo unici e irripetibili. Un abbraccio a te Angie

      Elimina