sabato 13 luglio 2013

Alchimia - il desiderio di trasmutazione

                                          Fonte immagine : Fuoco sacro



Qualcuno si chiederà cosa sia davvero l'alchimia, sono secoli che magari anche solo casualmente udiamo questa parola "alchimia" qual è la sua origine, ma soprattutto il suo significato? intanto derivata dall'arabo e significa "fondere, saldare, allegare, colare insieme" - associata alla trasformazione del piombo in oro, o meglio ad una trasformazione spirituale.

E' associata al mago, che nella sua solitaria ricerca, operativamente cerca di compiere trasformazioni sublimali ed impossibili, ma può tranquillamente essere associata alla nostra chimica che unisce gli elementi e li trasforma.

Ciò che differenzia il mago e l'uomo di scienza è " la fede", ciò che appare impossibile agli occhi della scienza, può essere a volte realizzato da un vero alchimista. Alcune semplici conoscenze di oggi, sono sicuramente il frutto di ricerche alchemiche di secoli già trascorsi.

Certe ricerche sono state volutamente criptate, occultate, agli occhi del mondo,  esisteva la necessità di difendersi dalla condanna della chiesa Cattolica che proibì espressamente l'alchimia. Indubbiamente il sogno di tanti alchimisti era quello di trasformare il piombo in oro e non solo simbolicamente, sembra che nel corso dei secoli, qualcuno vi sia riuscito, ed oggi la stessa scienza avrebbe l'opportunità di compiere questa trasmutazione metallica, il fatto è che il suo costo sarebbe talmente esorbitante da non avere alcuna reale convenienza pratica.

Ma l'alchimia è legata in modo indissolubile, alla filosofia, all'esoterismo, tanto detestato dalla chiesa, perché sono ricerche da lei associate alla conoscenza di una realtà nella quale è certa,  che operi Lucifero e molti esseri umani di religione cattolica, ancora oggi davanti alla parola "alchimia" sono influenzati da questo pregiudizio.

Perché? Perché la ricerca di trasformazione dei metalli, nasconde in realtà ben altri obbiettivi, tra cui la tramutazione dello stesso essere umano, da essere mortale ad  essere immortale, "una terribile eresia dell'alchimista", un atto contro la creazione e quindi contro Dio.

Ma veramente Dio, quell'Intelligenza Ineffabile ha voluto dotarci di quel pacchetto che si chiama nascita e morte? Di un corpo corruttibile? E di una porta sbarrata a tutte le conoscenze..? difficile domanda alla quale credo che nessuno sappia rispondere, personalmente penso di no.

Provate a leggere "Il Testamentum", attribuito a Raimondo Lullo, troverete 6 interessanti capitoli, sul procedimento alchemico:

  1. capitolo : descrizione della materia della pietra come composta di una sostanza unica, ma nello stesso tempo trina(anima, spirito e corpo);
  2. capitolo : vaso o uovo filosofico. Il vaso che può assumere forme diverse, deve essere costruito con materiale resistente al fuoco ed inerte;
  3. capitolo : Il fornello deve essere costruito come un fornello distillatorio con un coperchio;
  4. capitolo : Il fuoco viene definito come triplice;
  5. capitolo : la decozione include varie operazioni: soluzione, coagulazione, sublimazione, calcinazione, fissazione, cerazione, separazione, fusione  - 4 operazioni essenziali quali: solutio(dissoluzione),  ablutio (purificazione),  congelatio(solidificazione), e fixatio (indurimento); Tutto ciò condurrebbe dalla prima fase della nigredo, (solutio) la terribile fase della putrefazione che da origine alla materia nera,  il cui seme conduce alla fase dell'albedo, pietra bianca, con i successivi processi di nutrimento con miele, celidonia e sangue umano.
  6. L'ultimo capitolo tratta della rubedo, la tintura rossa (re rosso), realizzata con la moltiplicazione della pietra filosofale..
La tanto amata e temuta trasformazione  alchemica del Sé interiore, non è alla portata di tutti, solo quel primo passo della solutio (morte dell'io), è un'opera difficilissima da compiere, e le seguenti opere non sono da meno....

Una cosa è chiara, per accedere ad uno stato dell'essere superiore, è  prima necessario morire in silenzio, allo stato dell'essere in cui ci troviamo, e per farlo occorre essere pronti ed in sintonia con le leggi universali, purtroppo non è sufficiente solo desiderarlo, o fare dei goffi tentativi di avvicinamento, o leggere dei testi di alchimia.... 
Gli stessi studiosi, spesso non possono vantare un tale passaggio, la conoscenza da sola non è mai sufficiente......

Si dice la "grande opera e vincere il drago", non per nulla.

8 commenti:

  1. Daniela,l'Alchimia in realta' non era altro che la Chimica antilitteram e quindi in pratica l'alchimista non era altro che il chimico di oggi con la sostanziale differenza che se all'epoca di Raimondo Lullo o di Paracelso le sostanze presenti in natura usate per le loro trasmutazioni erano racchiuse nel pugno di una mano,oggi come oggi la nostra attuale Chimica grazie alle continue scoperte di nuove sostanze e nuovi materiali ha a sua disposizione un bagaglio illimitato per quanto riguarda il discorso della Trasmutazione Alchemica. Detto questo, gli alchimisti dell'Epoca ma anche i Chimici di oggi io personalmente li divido in due categorie e cioe'in quelli che hanno cercato e cercano la leggendaria Pietra Filosofale soltanto per il proprio arricchimento materiale e in una seconda categoria anche essa ancora alla ricerca della trasformazione del Se interiore e quindi della propria coscienza, che invece ambisce a raggiungere lo stato dell'essere superiore e entrando in sintonia con le leggi che governano l'Universo, raggiungere uno stato di purezza spirituale allontanandosi totalmente dalla strada che conduce al Male Assoluto e quindi in pratica concludere la Grande Opera vincendo quindi anche il drago di cui tu parli nel tuo articolo e con fede sincera cercare di avvicinarsi il piu'possibile a quello che io definisco il Principio Supremo di tutte le cose,visibili e invisibili.In pratica come sosteneva il grande Paracelso all'oro materiale che si puo' ottenere nel crogiolo del piombo corrisponde l'oro spirituale,garanzia di immortalita' e quindi di vita eterna. Sempre con te sulla strada del Mistero,un saluto sincero,Emilio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre arricchisci il mio articolo, e ti ringrazio infinitamente di questo.
      Un saluto a te caro Emilio
      Angie

      Elimina
  2. Buenas, enhorabuena por el blog, me gustaría intercambiar enlaces contigo y que nos sigamos mutuamente.
    Un enorme saludo desde http://orgullobenfiquista.blogspot.com/
    http://bufandasybanderasamps.blogspot.com/

    RispondiElimina
  3. perdóname, pero nuestros argumentos son muy diferentes, sin embargo, los blogs son muy agradables. ¡Hola

    RispondiElimina
  4. NON BASTA DESIDERARE DI DIVENTARE SUPERIORE ... bisogna pagare un prezzo molto alto e il sacrificio è letteralmente mortale !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, il desiderio non basta hai ragione

      Elimina
  5. helleland.altervista.org/blog/il-terzo-reich-tra-occultismo-edhelleland.altervista.org/blog/il-terzo-reich-tra-occultismo-ed-esoterismo

    ... fatevi una visitina su questo sito !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera, viste la discussione interessante avrei piacere di sapere cosa ne pensate a riguardo della porta magica di Roma , vi allego la prima parte di tre di un video a riguardo. Grazie. Gloria.
      http://m.youtube.com/watch?v=ROG6H1oTU6s

      Elimina