martedì 3 settembre 2013

Proteggere il pianeta azzurro e la vita





Forse sarebbe il momento per l'umanità di compiere quel  famoso salto evolutivo, da tutti predicato, ma mai realizzato,  indispensabile per garantire la sopravvivenza, a tutta la vita presente su questo bellissimo pianeta azzurro, che non ci appartiene, che nessuno ha mai comprato. Non abbiamo alcun diritto sulla terra, nessuno lo ha.

Siamo ospitati temporaneamente nei nostri brevi cicli esistenziali, garantire un futuro ai futuri esseri umani - figli - dell'attuale umanità, è un dovere primario che troppo spesso viene dimenticato in nome degli interessi paradossali di una parte di umanità ? che non saprei come ben definire.

Qualcuno che sa, ma che non desidera rendere nota la propria esistenza, ci ammonisce  severamente, e ci ricorda che i disastri climatici ed i terremoti sono in parte colpa dell'uomo e della sua interferenza eccessiva, del suo eccessivo abuso delle risorse terrestri, in effetti riflettendo e pensando con la nostra testa, dobbiamo ammettere che è troppo tempo che il petrolio viene estratto, questa estrazione svuota il sottosuolo di "ciò" che prima lo riempiva e che lo teneva compatto, lo svuotamento, deteriora il sottosuolo le immense voragini che si creano, i fortissimi terremoti, almeno in parte, sono il risultato di questo processo di sfruttamento senza alcuna pietà.
La stessa estrazione dei gas, provoca danni alla nostra atmosfera, riducendo l'ossigeno che è la fonte primaria della nostra sopravvivenza, per non parlare dei disboscamenti che crea danni incalcolabili alla fauna e all'equilibrio del suolo, l'instabilità si rivela nel momento di nubifragi ed alluvioni.

Ecco cosa dicono : gli uomini si stanno uccidendo da soli e lentamente.

 Qualcuno da tempo sta cercando di far cambiare rotta alla umanità, di comunicare con chi è ai vertici per cambiare la situazione, nonostante ciò, l'uomo non ha cambiato direzione, ma sta continuando nelle sue incessanti perforazioni o costruzioni o sfruttamento.

Nonostante questo, quel qualcuno ha sempre cercato di aiutarci per riparare, perché stiamo compromettendo l'equilibrio naturale del nostro pianeta azzurro e con esso danneggiamo tutte le forme di vita esistenti.

Possibile che l'umanità voglia toccare il fondo? Che non sappia decidere una volta per tutte ad abbandonare un percorso che  condurrà inevitabilmente alla fine della nostra civiltà?

Possibile che l'umanità debba fare la parte degli sfruttatori insensati, stupidi ed autodistruttivi oltre che dannosi.

Possibile che i capi di questo mondo, non decidano e non seguano la linea logica a salvaguardia della esistenza di tutti.

Molti esseri umani, stanno aspettando che dall'alto dei cieli prima o poi giunga la catastrofe e la distruzione, mentre la bomba assassina è proprio nelle loro mani, in procinto di scoppiare, se non si adotteranno degli immediati dietrofront.

Qualcuno ci sta osservando da molto tempo, ed ai loro occhi siamo oltre che stupidi anche folli... "l'obbiettivo primario di sopravvivenza" è all'ultimo posto nell'ordine delle nostre priorità.

Nessuno è disposto ad aiutarci per sempre, prima o poi dovremmo assumerci tutte le nostre responsabilità.
E non sarà una passeggiata.

Un ringraziamento a tutti coloro (e so che sono tanti), che lottano per un cambiamento di rotta, si può lottare in tanti modi, non è necessaria la violenza..."ma una costante buona volontà".


P.s.
Ho trovato un articolo interessante, che vorrei proporvi: leggi qui

16 commenti:

  1. Come possiamo apparire se fin dalle scuole i libri di Storia sono quasi esclusivamente date di Guerre, dagli Egiziani ai romani e fino ad oggi non abbiamo fatto altro che ucciderci e distruggere ??? Forse, speriamo, un giorno scorderemo il significato della parola guerra, ma il percorso è ancora lontano e tortuoso... Un Saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi Max, l'umanità dovrà cambiare rotta, questo articolo non è uno scherzo di pessimo gusto, l'ammonimento è reale - non inventato -
      Sono spiacente di non poter dare maggiori dettagli, ma qualcuno ci sta davvero pesando, attualmente ho notevoli problemi familiari, mia mamma è stata operata al femore (se lo è rotto cadendo). L'ultima cosa che desidero fare è scherzare e pubblicare qualcosa così tanto per riempire il mio blog.
      Grazie per essere intervenuto, se ti è possibile scrivi anche tu, visto che sei un blogger.
      Saluti-
      Angie

      Elimina
  2. Daniela,mi trovo perfettamente in sintonia con tutto quello che dici nel tuo articolo ma in quanto ad ammonimenti a cambiare totalmente rotta la nostra Umanita'nel corso dei secoli ne'ha ricevuti moltissimi ma purtroppo tutti caduti nel vuoto dell'indifferenza.E mi piace citare l'ammonimento ormai famoso del grande Albert Einstein il quale alla domanda di un giornalista in merito alle armi con le quali si sarebbe combattuta la terza guerra mondiale egli senza esitare rispose-Con le armi nucleari.Ed allo stesso giornalista che gli domando'con quali armi si sarebbe combattuta la quarta guerra mondiale egli rispose senza esitare-Con la clava.Un Saluto e Auguri Sinceri per la Mamma.Emilio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora prima o poi dovrà sbattere la testa, sono addolorata, perché vi sono miliardi di innocenti.Grazie per gli auguri per la mamma sono molto graditi..
      Angie

      Elimina
  3. ... Faró in modo di espandere questo articolo su tuti i blog che conosco ...e oltre .
    È il momento di espandere la notizia !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso di sì, ti ringrazio di tutto Elysia.
      Angie

      Elimina
  4. PERCHE' LE PERSONE GRIDANO?
    Un giorno, un pensatore indiano fece la seguente domanda ai suoi discepoli:
    "Perché le persone gridano quando sono arrabbiate?"
    "Gridano perché perdono la calma" disse uno di loro.
    "Ma perché gridare se la persona sta al suo lato?" disse nuovamente il pensatore.
    "Bene, gridiamo perché desideriamo che l'altra persona ci ascolti" replicò un altro discepolo.
    E il maestro tornò a domandare: "allora non è possibile parlargli a voce bassa?"
    Varie altre risposte furono date ma nessuna convinse il pensatore.
    Allora egli esclamò:
    "Voi sapete perché si grida contro un'altra persona quando si è arrabbiati?
    Il fatto è che quando due persone sono arrabbiate i loro cuori si allontanano molto. Per coprire questa distanza bisogna gridare per potersi ascoltare. Quanto più arrabbiati sono tanto più forte dovranno gridare per sentirsi l'uno con l'altro.
    D'altra parte, che succede quando due persone sono innamorate? Loro non gridano, parlano soavemente. E perché? Perché i loro cuori sono molto vicini. La distanza tra loro è piccola. A volte sono talmente vicini i loro cuori che neanche parlano solamente sussurrano.
    E quando l'amore è più intenso non è necessario nemmeno sussurrare, basta guardarsi. I loro cuori si intendono. E' questo che accade quando due persone che si amano si avvicinano."
    Infine il pensatore concluse dicendo:
    "Quando voi discuterete non lasciate che i vostri cuori si allontanino, non dite parole che li possano distanziare di più, perché arriverà un giorno in cui la distanza sarà tanta che non incontreranno mai più la strada per tornare."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai quanti sordi o finti sordi vivono su questo pianeta? L'amore è l'energia più potente che vi sia se i cuori fossero tutti aperti, non vi sarebbero problemi di questo tipo.
      Grazie anonimo
      Angie

      Elimina
    2. solo coloro che hanno il cuore aperto possono davvero comprendere

      Elimina
    3. Razionalmente anche gli altri

      Elimina
  5. È quello che sogno da sempre, un'umanità a misura del mondo, abbiamo una fortuna immensa, viviamo in un pianeta incantevole e lo stiamo piano piano uccidendo, in nome di ignobili interessi, così come ci si fà la guerra o per gli stessi o per l'odio, provo sempre un profondo dispiacere a sentire in questi giorni le notizie sulla situazione in Siria, come ogni volta che si verificano tali terribili situazioni in qualsiasi parte del mondo. Non posso che trovarmi assolutamente d'accordo con il tuo articolo, ma la domanda che mi pongo ogni volta è: se i responsabili continuano imperterriti ad ignorare gli ammonimenti, come possiamo intervenire prima che sia troppo tardi? Perché temo che prima o poi lo sarà, non c'è equilibrio così, ed un sistema in cui non vi è equilibrio prima o poi collasserà, non esistono deroghe a questa legge. Vorrei ancora sperare ma mi diventa sempre più difficile.

    P.S. Desidero farti di cuore i miei auguri per la situazione che stai attraversando, spero che possa presto migliorare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse l'unico modo sarebbe che tutte le persone umili e semplici di questo pianeta si unissero pacificamente per far udire la propria voce, se ognuno scrivesse un articolo tipo questo coinvolgendo tutti...chissà.
      Ma sono in pochi a dichiararsi, hanno il sogno nel cuore, ma non parlano, tacciono e aspettano che siano altri a farsi sentire. Non dovrebbe funzionare così, ognuno ha il dovere ed il diritto di comunicare il sogno che ha nel cuore.
      Questo è un sogno importante ...
      Grazie
      Angie

      Elimina
  6. Daniela,la strada giusta da seguire e'sicuramente quella indicata da Elisia e cioe' di diffondere a piu'blog possibili esistenti sulla rete il grido di allarme per il nostro pianeta che sta morendo e in seguito in maniera ovviamente collettiva potremmo chiedere a coloro che detengono il potere legislativo di impegnarsi per dare alla luce almeno due leggi che a mio avviso sono di importanza vitale per la sua sopravvivenza e cioe' in primis una legge che imponga il disarmo nucleare a tutti quei paesi che possiedono armi nucleari o di distruzione di massa e in seguito una legge che imponga il rispetto dell'ambiente e la ricerca di fonti alternative alle estrazioni di minerali dal sottosuolo in modo da'non scatenare piu'reazioni da parte della Terra sotto forma di cataclismi o calamita' naturali di ogni genere e infine non guasterebbe, sempre a mio modesto parere, l'insegnamento nelle scuole di ogni grado di una nuova e importante materia l'Ecologia e perche' no anche una severa legge che impone il rispetto dell'ambiente in cui viviamo da parte di tutti,nessuno escluso.Questi potrebbero essere i primi passi per cercare di non rimanere passivi di fronte agli eventi ma bensi' di cercare nel nostro piccolo di cambiare veramente le cose.E per completare il mio pensiero mi fa'piacere citare una frase del grande John Lennon che recita' cosi'-LO SO' MI DIRAI CHE SONO SOLO UN SOGNATORE MA SE' TI UNIRAI A NOI IL MONDO SARA' UNA COSA SOLA. Sono a tua completa disposizione per qualsiasi tipo di iniziativa per cercare finalmente di cambiare le cose.Sempre vicino a te,un cordiale saluto a te e a tutti coloro che come me desiderano la pace e la salvezza del nostro amato Pianeta.Emilio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue idee sono molto buone Emilio, e certo Elysia ha ragione, ma non basta far conoscere questo articolo occorrerebbe che altri, milioni di altri scrivessero il loro, chiaro e limpido....

      Qualcuno ha scritto ?
      Grazie Emilio, qui si tratterebbe di salvare noi stessi.
      Angie

      Elimina
  7. Ciao angie,grande articolo. Io ho scritto il mio, e non sono buone notizie. Hai ragione l'uomo è arrivato al suo capolinea, ma è troppo arrogante per ammetterlo.
    Miriam,la madre Terra, presto si farà sentire, e scuoterà non solo le sue fondamenta, ma anche le coscienze della gente.
    Un abbraccio
    Franco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franco, vorrei leggere il tuo articolo è possibile?.
      La maggioranza dell'umanità più che arrogante è incosciente e addormentata, svegliarsi all'improvviso è sempre molto doloroso, speriamo di avere altre occasioni e di poter rimediare.
      Un abbraccio a te
      Angie

      Elimina