giovedì 31 gennaio 2013

Lo scienziato ed il criminale



La sua ricerca era giunta al termine, nessuno aveva creduto in lui, e lo avevano buttato fuori in malo modo dal centro ricerche, la sua brillante carriera di ricercatore era giunta al capolinea, ma nonostante ciò era quasi certo di aver trovato qualcosa di molto importante, qualcosa che avrebbe potuto cambiare il destino dell'umanità.

Fernando, scienziato dalla mente aperta, legato ormai da anni alla fisica quantistica, era sicuro che oltrepassare i livelli dimensionali, era qualcosa di possibile, una sorta di protezione, teneva insieme il tessuto della nostra falsa realtà, e gli umani si erano dimenticati da troppo tempo, come viaggiare tra le varie dimensioni, si erano dimenticati della loro trascendenza, del loro potere.

Aveva compreso che i segnali che giungono al nostro cervello, erano stati manomessi da qualcuno, che desiderava giocare sporco, in un mondo, abitato da esseri manovrabili, ormai persi e convinti di essere solo carne da macello.

La fisica quantistica, e tutte le sue indagini sul corpo umano ed animale, gli avevano rivelato che tutti gli esseri, sono composti da atomi, che interagiscono in modo multidimensionale, e che l'unico ostacolo ai passaggi da dimensione a dimensione, dipendevano da precisi segnali del cervello, un imprinting, una sporca manomissione ormai vecchia di almeno di 2000 anni, una specie di programma innescato nella mente dell'uomo, che era ormai diventata una prigione mortale per tutte le creature terrestri.

Ciò aveva causato nell'umanità la programmazione, della vecchiaia, della morte, persino di quei terribili effetti collaterali, come l'aggressività, e la stupidità accompagnata a volte ad una innocente e terribile malvagità.

Il Cristo risorto dalla morte, era un Essere Meraviglioso, che desiderava aiutare l'umanità ad uscire dal proprio torpore, ma non era stato il solo, molti Maestri veri, avevano cercato di togliere i sigilli e rimuovere l'imprinting, e tanti erano riusciti a passare oltre, ma miliardi di creature rimanevano prigionieri ....., nonostante un parziale risveglio, ma ciò non era sufficiente, anzi essere parzialmente consapevoli della propria situazione, aggravava maggiormente lo stato di sofferenza di molti.

Lui, Fernando, finalmente aveva trovato, dopo una miriade di analisi effettuate sul  cervello delle persone, il piccolo e microscopico programma, "l'imprinting", ereditato ormai da millenni da tutti gli abitanti della terra, sarebbe stata sufficiente la sua abile rimozione e la creatura finalmente sarebbe stata libera, libera di restare o andare, non più soggetta alle leggi naturali e terribili di questa dimensione.

Ovviamente non gli avevano creduto, lui si era offerto volontario per la rimozione di questo microscopico criminale, e l'avevano buttato fuori, come fosse stato un maniaco pazzo e scellerato.

Non occorreva aprire la scatola cranica, bastava individuare il criminale e rimuoverlo dalla sua posizione strategica, certo una manovra sbagliata poteva essere fatale, ma vi era anche la possibilità di estirparla, grazie anche a  delle potenti vibrazioni, che non avrebbero causato nessun effetto nefasto.

Nessuno aveva creduto alla sua scoperta, eppure lui nelle sue indagini aveva individuato che esso si trovava in un punto preciso, si confondeva con la materia grigia, ma non era come la materia grigia, era di origine biologica ma artificiale, microscopica, non facilmente individuabile....neppure con le indagini di routine.

Un Impianto vecchio di millenni, che riusciva a riprodursi costantemente in ogni essere, soggetto alle leggi del decadimento e della morte, che lo privava della memoria antica, delle sue qualità regali.

La sua ricerca non sarebbe terminata, avrebbe tentato di rimuovere il criminale dalla sua testa, Fernando sapeva quali vibrazioni avrebbero potuto detronizzarlo, e avrebbe compiuto gli esperimenti su se stesso.

Ora comprendeva esattamente, perché alcuni maestri, insegnavano certe tecniche vibrazionali, di meditazione, accompagnate da musica altamente vibrazionale.....

Fernando si ritirò nella sua stanza, accese la musica, e iniziò a svuotare la mente.... 


4 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie a te di averlo letto.
      Ciao amico
      Angie

      Elimina
  2. ma è vera questa cosa o è un racconto ? (:... chi è questo scienziato e ci sono cose che non sappiamo forse .. ??? rispondi qui o se hai facebook sono qua (: https://www.facebook.com/npitarresi1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo....è solo un racconto di fantascienza....ma indubbiamente qualcosa di vero potrebbe esservi...
      Proverò a risponderti

      Elimina