lunedì 5 gennaio 2015

Il Mistero di Per Sempre







Sempre più persone stanno ricercano il mistero, per quanto tutto appaia sempre nella solita modalità, anzi con modalità peggiori: crisi economiche, disordini, omicidi, epidemie letali, l'uomo mai come oggi sta cercando la sua vera collocazione.

Il famoso gruppo di potere, non ha fatto bene i conti, oppure vi è qualcosa che sta intervenendo a favore dell'umanità?.

Ora, vorrei specificare che non sono una amante del complottismo, tuttavia dopo certi eventi, vi è una evidenza quasi naturale, che vi siano trame di potere che dietro le quinte, cercano di indirizzare le persone verso un certo percorso.
Qualcuno sostiene che esista una strategia per ridurre la popolazione, e devo dire che tante persone, tante, anche giovani, si ammalano seriamente e alla fine non ce la fanno. Probabile che sia l'inquinamento, lo stress, le cure mediche non adeguate per la nostra reale configurazione biologica, il cibo, che riflette l'inquinamento del nostro pianeta e tanto altro.

Ma è anche vero che non siamo ciò che vogliono farci credere, e questo lo dico molto umilmente, proprio per questo motivo, suggerisco a chi è abbastanza giovane e di mentalità aperta, (a volte l'età è relativa), a non farsi distrarre troppo dagli eventi esterni, per quanto clamorosi e destabilizzanti, di continuare a cercare costantemente, e di avere fiducia in quella parte nascosta e misteriosa, che è dentro noi. 

Chiunque cerchi Dio, sappia che nessuno potrà mai definirlo, Questa Forza Eterna ed Infinita, si risolve in : Amore, Assoluto ed Incondizionato.  Le trame oscure non Gli appartengono, come non gli appartengono le vendette, (la vendetta è un espediente umano), non ha emanato la morte,  e neppure la vecchiaia e le malattie...

La Sua Stessa Natura Perfetta, non avrebbe mai potuto contemplare tali devastazioni, chi si occupa di religione ci ha sempre detto che noi siamo in questa materia, per via dei nostri peccati,  per purificarci, ebbene vorrei ricordarvi, quanto sia poco solida la materia, e quante creature innocenti siano state assassinate qui su questo pianeta, i conti non tornano affatto.

Dunque chi ha creato l'universo? con tutti i suoi componenti?  Indubbiamente una Mente Geniale, e non facilmente immaginabile, ma non il vero Eterno, ora voi sapete bene che anche l'Universo, per quanto in modo molto differente da noi,  è mortale, ogni cosa nell'universo, ha un inizio ed una fine.
Tuttavia in questa stessa creazione, sono contenute altre creazioni, con diversi gradi di vibrazione, e di evoluzione, tutto ciò che evolve lo sostiene la Sua Stessa Sostanza Imperitura, che desidera ritornare alla originaria Perfezione.

Ma non l'Eterno, che è Perfetto e non ha né inizio né fine, Lui è il "Per Sempre"
Ed è Lui che dobbiamo cercare, nei nostri cuori, in quanto chi ha emanato l'Universo, si è servito di una Sua parte la Sostanza imperitura,  ovviamente non sappiamo per quale scopo, forse si annoiava?...O desiderava mostrare la sua creatività e genialità?

Sto scherzando, ma probabilmente, ciò potrebbe pure essere plausibile,  ed anche se qualcuno mi darà dell'eretica, non importa, anche altre persone, immaginano che ciò sia plausibile, anche se qui la verità assoluta non esiste.

A questo punto  è chiaro che anche questa creazione, rientra nel suo Amore, anzi proprio perché imperfetta Lui Le sta dedicando maggiormente la sua attenzione, ed ha attivato, grazie al Cristo,  e non solo, una Sua Diretta Emanazione, ponti di salvataggio, per tutta la Creazione, non solo per noi umani.

Nel nostro pianeta tutto si ricicla, gli atomi che appartennero a creature passate, oggi probabilmente compongono le nostre generazioni, infiniti cicli di nascita e di morte, questo non può essere definito certo un paradiso, ma un mondo di confine, un pianeta che prima o poi franerà, se l'uomo non saprà gestire  adeguatamente le risorse, soprattutto se non troverà un modo di risanarlo.

In questa creazione esistono creature assai più progredite di noi, sicuramente migliori, ma comunque soggette ai cicli di nascita e di morte, anche se più rallentati, il reale sostegno della vita è Qualcosa di Invisibile, qualcosa che appartiene a quel Mondo in cui Nulla è mortale, al Per Sempre per intenderci.

Molti non credono che  Per Sempre esista, pensano che questa creazione sia puramente casuale, ma ciò che è casuale, non genera altro che caos, altri che vi sia un Dio o una Mente Imponderabile e null'altro. 
Siamo energia che si ricicla, in una creazione che per quanto immensa, non è eterna, tuttavia è presente l' Essenza Imperitura, in comunione con ciò che è ciclico e Lei provoca un'infinita espansione. Increata, senza tempo, appartiene a Colui che realmente è...

Ma è invisibile, silenziosa, la scienza non può scrutarla con i suoi potenti microscopi, esula da ogni legge conosciuta e presente, ciò che non si vede non esiste, questo è il nostro atteggiamento, eppure è alla base di ogni legge, che potrebbe ribaltare in ogni istante, solo se lo volesse, tuttavia per sostenere la vita e la creazione si è assoggettata alla ciclicità..., per non disintegrare il sistema, si è rarefatta, la sua potenza non è immaginabile.

Si auto-misura, costantemente in ogni elemento della creazione, un suo eccesso, potrebbe annientare tutto, in un solo istante.

Appartiene al mondo di Per Sempre, è Lei la vita vera, la realtà che non ci è consentito vedere, fino a che non riusciremo ad abbracciarla completamente, molti hanno creduto, molti l'hanno rincorsa, l'hanno cercata,  altri hanno tentato di catturarla, ma fare ciò è impossibile, è sempre presente, silenziosa, invisibile, coscienza infinita, amore assoluto, che lentamente e pazientemente,  si allarga nel nostro cuore, filtrata dai nostri poveri sensi..

Se Lei non fosse, nulla sarebbe, ma non appartiene a questo mondo.
Appartiene a Qualcuno che hanno chiamato il Per Sempre..., che desidera che tutta la creazione trascenda.
Ma non immaginatelo in nessun modo, non vi sono scritture, o libri, in cui potrete trovare il suo nome, quasi nessuno parla di Lui, è vero, non è il nostro creatore, non avrebbe mai creato qualcosa di imperfetto, per quanto meraviglioso, ma solo ciò che è qui, ed appartiene a Lui, ci salverà...
Lui, è vicino a tutti coloro che amano...
Questa non è una favola....
Ma anche per chi la riterrà tale, in fondo è una favola d'amore, che si può raccontare, che si deve conoscere....




18 commenti:

  1. Eccoci qui, quo, ed anche qua, mia cara amica. Questa volta porto nel tuo salotto due fisici di grossa stazza...che in parte condividono quanto da te esposto. Uno senz'altro.

    Il primo è il fisico Planck, nonostante avesse sempre perorato la riconciliazione tra scienza e fede, evitava con eleganti perifrasi di parlare del "lavoro" di Dio. Non così Paul Davies, che cerca di dare dare una risposta alla domanda sulla "causa prima" della vita, e che (per quel che può valere) mi trova d'accordo.

    Davies parla spesso di un "qualche fattore esterno che ha turbato l'equilibrio termodinamico". Indirizza le sue opinioni verso un Dio si eterno, si infinito e immensamente potente, ma NON onnipotente, avendo costituito la materia partendo dall'energia preesistita, per cui NON sarebbe capace di creare nulla, ma di manipolare.

    Non un Dio sovrannaturale precisa Davies, ma una "divinità naturale" che si assunse ul compito di guidare l'incoerente Big Bang primigenio fino a formare il cosmo che oggi osserviamo, e ciò, furbescamente, mai violando le leggi della fisica. Personalmente lo trovo simpatico, forse perchè egoisticamente mi trova sulla sua lunghezza d'onda, un fisico così, che sogna un Dio naturale, semplice e perfetto.

    Ma poi arriva il domandone : perchè creare e dare spazio ad un Dio innaturale od inferiore? Nessuno lo sa, ma va comunque scartata la semplicistica ed irrazionale ipotesi del "caso", perchè c'è un'evidente intelligenza finalistica che permea l'universo, intelligenza (NON, sia chiaro, l'infinito amore primigeneo) che la teoria dei quanti non è riuscita ad offuscare. Ciao musa ispiratrice...
    Malles

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo commento è formidabile, ma adesso immagina che il Creatore, si sia disintegrato nella sua stessa Creazione, e Per Sempre, stia cercando di recuperarlo, rispettando tutta la nuova vita che si è creata, immagina che ognuno di noi sia coinvolto in questa Impresa.
      L'obbiettivo è che tutta la creazione trascenda, ma esiste anche chi non vuole...., teme di perdere il proprio potere, la propria individualità, per fondersi in un'unico Essere Divino.
      Per Sempre, in realtà proprio per amore, rispetta ogni creatura, nata da questa frammentazione, desidera la sua realizzazione completa, solo Lui, può trovare vie Misteriose e portentose perchè questo avvenga, l'universo si sta espandendo sempre di più, invece di contrarsi....
      Eretico fuori misura, ne sono cosciente, tuttavia ....

      Un abbraccio



      Elimina
    2. MI pare che Paul Davies abbia semplicemente citato Platone. Il Demiurgo, dio minore emanato a seguito della trasgressione dell'Eone Sofia, ha creato l'universo copiandolo dal Mondo delle Idee in base alla reminiscenza del Pleroma, (lo splendente consesso degli Eoni), manipolando la materia aiutato dagli arconti, sue ancor più imperfette emanazioni, tramite i quali amministra l'universo imponendo leggi e regole (tra cui anche quelle della chimica e della fisica), fondamentali per l'evoluzione dell'universo, iniziato con la materia allo stato di plasma poi trasformatosi in idrogeno, elio e via via tutti gli altri elementi formatisi all'interno delle stelle, per vera e propria polimerizzazione nucleare, nel corso della loro evoluzione.
      Difficile stabilire a qual punto l'intervento Divino abbia provocato il Big Bang, punto zero dell'universo, ma secondo Platone ed Empedocle la materia coesisteva con la Luce prima che il Demiurgo formasse l'universo, e quindi è probabile che il BB coincida con la separazione della Luce dalla materia, quando questa fu confinata (o scagliata!!?..) dalla Monade (Eone primario) lontano nell'abisso del Nulla. L'eternità della Realtà Trascendente consiste in un eterno presente nel quale il SEMPRE non assume significato in quanto collegato a una continuità che non esiste nell'immobilità del Trascendente. Saluti

      Elimina
    3. Grazie Silverdart, per essere intervenuto, preciso, che Per Sempre è il nome con cui certi fratelli cosmici, chiamano, L'Eterno Presente. La scienza è partita dal BB,, ma ancora oggi non vi è certezza che tutto coincida. In realtà la verità, purtroppo, noi umani non la conosciamo esattamente. Ma gli indizi ci sono, anche se non costituiscono la prova assoluta.

      Probabile che la materia coesistesse con l'essenza Divina, ma era perfettamente in simbiosi, e non soggetta a cicli come accade invece nel nostro universo,

      Chi lo sa cosa sia realmente accaduto, la leggenda la conoscono tutti quella dell'angelo ribelle, (demiurgo) penso però che ciò sia troppo semplicistico.

      Pensiamo che il Trascendente sia Immobile, probabile invece che vibri troppo velocemente rispetto al nostro universo, tanto da apparire immobile o completamente invisibile.

      Grazie per il tuo prezioso intervento.

      Elimina
    4. Cara Angie, non è la scienza che è partita con il BB, ma la nascita dell'universo, quello in cui viviamo, e pensa, non è neanche certo che siamo l'unico che esista, nel senso che secondo teorie recenti e molto accreditate nel mondo della fisica (vedi Alex Vilenkin), di BB é possibile ne accadano in continuazione e tali eventi andrebbero a costituire i fotogrammi di quel film infinito che si chiama TEMPO. Noi che viviamo l'inizio del 21° secolo non possiamo sapere in quale mondo stiamo vivendo la nostra realtà cosciente, ma è assolutamente possibile che, se stiamo vivendo in un mondo intermedio a tutti gli eventi (BB) finora accaduti, allora è teoricamente possibile (scoprendone il modo) di poter viaggiare avanti e indietro nel TEMPO, poiché, gli eventi che abbiamo vissuto e quelli che dovremo vivere, esisterebbero fisicamente in un altro mondo reale che ci ha seguito o preceduto nella continuità dei Big-Bang.
      Tutto questo tra l'altro è coerente con il concetto di Eternità, come presente immutabile, sia in ottica filosofica che teologica. Il problema che abbiamo è che questo argomento è di consistenza incommensurabile per la nostra logica limitata, che può arrivare a comprendere tutto quanto (o quasi sia concreto) ma va in difficoltà nell’affrontare i temi dell'infinito.
      L'angelo ribelle non è il Demiurgo, il quale è effetto di una trasgressione di cui Egli non ha colpa alcuna.
      Gli angeli (come dicono anche le teologie giudaica, cristiana e islamica) sono creature intermedie tra spirito e materia, create dal demiurgo per essere Suoi ministri, ovvero servitori ubbidienti e devoti. Gli angeli ribelli o superbi, privati della Luce divengono demoni, perdono l'immortalità e per sopravvivere si nutrono delle energie spirituali che vengono disperse dai viventi nelle trasgressioni alle Leggi del Demiurgo.
      Il Demiurgo è demonio solo nella concezione errata del paleo cristianesimo, essendo Egli CREATORE e quindi NOSTRO Padre. Il Demiurgo è parte distante del PLEROMA e quindi di quella inconoscibile struttura che comunemente definiamo come DIO.
      Ultima cosa. Oggi e invalsa l'abitudine di parlare spesso di VIBRAZIONI e FREQUENZE per tentare spiegazioni a cose incomprensibili.
      In FISICA la frequenza è il numero di cicli o di eventi che si verificano nell'unita di tempo e si misura in Hertz. Le leggi della fisica valgono allo stesso modo in tutto l'universo e non al di fuori di esso. Oltre l’Universo è l’infinito Trascendente ove nulla può essere misurato. Quindi è impossibile che nel Trascendente possano esistere vibrazioni se queste sono legate al moto e al tempo che sono categorie misurabili della realtà immanente, cioè del nostro mondo.
      Comunque, se fosse la realtà Trascendente a vibrare a frequenze maggiori della nostra, allora saremo noi ad essere fermi e L'ALTRO MONDO ad essere in movimento e non il contrario. Come accade viaggiando su un'auto che procede a 100 km/h e si viene sorpassati da una velocissima che va a 200. Sembra o no di stare fermi?... Un saluto. Silver

      Elimina
    5. Sei davvero preparatissimo, complimenti sinceri, penso che anche gli altri lettori saranno lieti di leggerti.
      Perdonami, come hai già sostenuto tu siamo ancora piuttosto indietro, purtroppo non credo che umanamente possiamo spiegare esattamente cosa sia accaduto, che questo sia uno dei tanti universi, probabilmente è vero..., ma al di là di tutto ciò, vi è una causa originaria, non credo al vuoto assoluto.
      Le leggi della fisica, Silver quante leggi conosciamo? Quante altre invece dobbiamo ancora conoscere?
      Già queste ci fanno girare la testa, ancora non sappiamo cosa sia la materia e l'energia oscura, anche se i più bravi scienziati hanno tentato di spiegarlo..

      Al di là di tutte le conoscenze legate alla fisica ed all'esoterismo, dobbiamo convenire che nulla sappiamo su una scala da 1 a mille forse, possiamo raggiungere uno scarso 10...

      Comunque il senso della favola che ho narrato, non è spiegabile scientificamente, la vita ancora non si spiega, non sappiamo quale tipo di energia ci consenta di vivere...

      Quella x sconosciuta invisibile, non è facilmente determinabile, tu sai meglio di me che la scienza per spiegare certe paradossi, utilizza modelli, già nel campo della fisica ...., se andiamo poi alla fisica quantistica le teorie sono talmente tante, che altro che giramenti di testa.., la fisica vibrazionale, non è da meno, pur avendo evidenziato che tutto è energia...compreso noi.

      Francamente non so se Il Trascendente, sia immobile oppure no, non ne ho la più pallida idea.

      L'unico indizio è che una causa esiste, oltre il manifesto, che è il nostro universo e tutti gli altri universi, che non è detto che abbiano le stesse leggi fisiche che conosciamo.., e quella causa - o sostanza o un altro Cosmo diverso e non soggetto a ciclicità e morte, potrebbe esistere.

      Io sono una visionaria e non una scienziata o teologa, amo andare oltre il possibile, francamente l'impossibile non mi piace mi sta stretto, penso che esista molto altro, che un domani riusciremo a spiegare ed altro che resterà nel mistero.

      Sul movimento....hai provato mai a girare una trottola? se gira fortissimo sembra quasi che diventi invisibile, è solo una illusione, ma è così.

      Grazie Silver, sulla base delle conoscenze umane, tu hai ragione e sei ben centrato...

      Grazie ancora

      Elimina
  2. Secondo me,mio caro,acculturato,saggio e soprattutto simpatico amico di web(purtroppo),quello che dici e' giusto,ma anche in questo caso c'e' un po' di confusione sul significato che vogliamo attribuire alla parola "dio"...quello al quale ti riferisci tu per spigare la nostra creazione con la manipolazione di preesistenti energie,non e' lo stesso al quale faccio riferimento io,anzi non ho per niente la certezza che mi stia nemmeno troppo simpatico...;-) dimenticavo...tanto per rimanere in tema di inutile e fittizia ciclicita'...:BUON ANNO a tutti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon anno a te Stefano, penso che quel Dio, si sia disintegrato in mille pezzi, che puoi rilevare in tutta la creazione ...che si sta espandendo sempre di più, forse ha già pagato un prezzo molto alto, Per Sempre sta cercando delle soluzioni, per salvare il salvabile attraverso ogni creatura che esiste...
      Molto eretico, lo so, tuttavia...

      Elimina
    2. Piu' che eretico daniela(eresia poi rispetto a cosa?a quale appurata verita'?il cristianesimo...?!!!)e' piu' che altro quello che pensi tu,che cmq ha la stessa valenza del pensiero degli illustri scienziati succitati da malles,in quanto teorie basate sulle stesse prove empitiche,ovvero nessuna!E come piu volte detto,ritengo che sia giusto cos'i' se a questa creazione,da chiunque e in qualsiasi modalita' sia stata "messa su",vogliamo dare un senso!Cmq se c'e' un motivo per la quale sia stata creata,non credo(e questo e' il mio di pensieri non basato su nessuna prova empirica)sia per noia o per caso(e mi riferisco all'inizio no alle successive manipolazioni)ma per semplice desiderio di capire di esistere...se la mia mente non avesse un corpo che gli permettesse di usare i nostri 5 sensi,se non avesse immagini di cose o persone che gli ptoducessero emozioni,come farebbe a sapere di esistere?credo quindi che se avesse la capacita' di creare,magari un qualcosa capace di automoltiplicarsi in infinite entita',situazioni e quindi esperienze e che ognuna di queste gli portasse in qualche modo informazione,lo farebbe...no per noia ma semplicemente per esistere...ripeto e' solo il mio pensiero/speranza

      Elimina
    3. Penso che la speranza debba essere l'ultima a morire, penso anche che nella nostra creazione, vi sia una memoria antecedente a questa stessa creazione dove oggi ci troviamo noi.
      Insomma, la matrice ha utilizzato ciò che aveva, instabile e perituro appunto, ma con la grande speranza di perfezionamento grazie alla essenza imperitura, che crea esseri perfetti e non mortali, non soggetti a certe leggi elettromagnetiche che abbiamo qui.
      Ti suggerisco con grande affetto Stefano a sperare, ed a continuare a cercare anche dentro di te, anzi soprattutto dentro di te. Più che casuale direi quindi conseguenziale, a ciò che è realmente accaduto, che non potremo mai stabilire con certezza, almeno per ora.
      Per Sempre c'è, anche se noi non riusciamo a vederlo, è nei cuori di chi ama incondizionatamente.
      Un caro saluto.

      Elimina
  3. Toh! L'amico Stefano, maaa, forse forse parente di FOrattini? Una sincera stretta di mano caro Stefano, i tuoi commenti non sono mai banali, contengono i quesiti che tutti noi ci poniamo. Un creatore, cara Daniela, secondo me, seppur di bassa lega, non può disintegrarsi, svanire, lo spirito in quanto tale, è di per sè eterno.

    Il Grande Architetto dell'Universo, per sua natura Onnipotente e Onniscente, sapeva benissimo dove andava a parare il demiurgo, l'arconte, o chi per lui, il quale ha plasmato quello che consciamente (da Dio) gli era di nascosto permesso, a beneficio finale per l'uomo che, dopo la scuola terrena (vedi incarnazioni) poteva così sublimarsi, alla fine del lungo errare, con l'essenza divina.

    Argomentazioni cari amici, difficili da condividere e da assimilare, parlo in primis per me stesso, che quando vado troppo nel difficile mi perdo e faccio fatica a...ritrovarmi. L'astrofisico Joseph Silk ha suggerito un modo di affrontare questo problema con la risposta (di S. Agostino) che esiste un inferno per coloro che sollevano questioni tanto difficili !!

    Io allora sono quasi arso... ECCOOO!! cos'era quell'odore di bruciato al quale non sapevo dare una causa. S. Agostino mi scuserà se in questo caso scelgo Kant, che nel sec. XVIII, avvertiva che Dio non può essere oggetto d'intuizione sensibile, tanto che oggi la scienza ha lasciato al di là del proprio campo di ricerche (che sono appunto quelle delle esperienze che cadono sotto il dominio dei sensi), un vastissimo spazio entro cui ognuno può scoprire quelle verità di ordine soprannaturale e di cui non può fare a meno. Un salutone a todos
    Malles

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque noi qui presenti siamo tutti arsi?, Con tutto il rispetto per S.Agostino, penso che Kant avesse più ragione..., se è vero che in noi abbiamo anche una natura Divina, per quanto Essa vada Alimentata..., e per farlo occorre tendere tutti noi stessi da quella parte. Comunque se dovrò andare all'inferno per questo ci andrò...., non mi è possibile fare altrimenti...
      Un salutone a te.

      Elimina
  4. Penso che S.Agostino intendesse un'altra cosa...e penso che kant avesse pienamente ragione...

    RispondiElimina
  5. Fame di assoluto...uscendo spesso dal seminato...
    Mi pento (quasi...) di aver parlato qui, tempo fa, di demiurgo, di sophia e compagnia briscola...
    A nostra scusante è la materia stessa che calamita...La verità è che abbiamo una sete di mystero, di occulto e un desiderio irrefrenabile di irrazionalità. Qui me ne da atto l'amico Silverdart, che saluto volentieri, contento di averlo qui e in palla...rimbalzante. oggi più che mai occorrerebbe mantenere la testa sul collo e svolgere il ruolo di moderazione e di smitizzazione di ciò che fuoriesce dal solco della razionalità e dell'equilibrio. Qui lo dico ma poi a volte mi rinnego...

    Comunque ben vengano gli equilibratori nei vari campi del sapere, della scienza, della religione.Assistiamo spesso allibiti ad accessi del misticismo, dell'occultismo, del ritualismo religioso, che un pò di prudente agnosticismo non guasterebbe. Come dicevo, non trovo questo...ardire per quanto detto dall'amico Silver, ma parlo anche a mio nome. Detto questo...l'unica certezza che possediamo è che non abbiamo certezze.

    Abbiamo però qualche risposta "quasi certa", ossia con percentuali che si avvicinano alla "verità". Per esempio che gli "io" degli esseri viventi siano davvero "frammenti" di un'unica Coscienza Cosmica", troppe cose portano a questa direzione. Ma una risposta porta a nuovi interrogativi. A proposito di "frammenti", come nascono la prima volta? La religione cattolica sostiene che l'anima è creata da Dio al momento della nascita, vive una sola vita, muore, va all'inferno, al purgatorio od in Paradiso, risorgendo(in questo caso) alla fine dei tempi.

    L'idea di frammento mi richiama l'iniziato Ermete, al quale Osiride disse: "Una sola grande anima si è scissa ed ha dato vita a tutte le anime che vagano nell'Universo". Forse ciò è accaduto insieme al Big-Bang? In seguito, le anime tenderebbero a riunirsi, così come le gocce d'acqua tornano all'Oceano? O forse per le anime l'emanazione continua? Il legame tra i "frammenti" è di tipo informazionale? Intanto se fatta di puro spirito, l'anima non dovrebbe perdere la propria individualità, ma anzi si dovrebbe rafforzare nel ricongiungersi al proprio archetipo in Dio.

    Come affermava Pitagora, a quello stadio l'uomo diviene un semi-Dio, poichè riflette Dio...Ciò significa che se l'uomo si vuole avvicinare a Dio deve conoscere , comunicare ed amare...Chi non ama è come una goccia isolata destinata a prosciugarsi..."Come si può impedire ad una goccia d'acqua di prosciugarsi?", fu chiesto al Buddha, con riferimento all'anima umana, "Buttandola nell'Oceano", fu la risposta illuminante, ecco anche qui l'analogia acqua-spirito...Un saluto a tutti
    Malles

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te ...
      Grazie Malles

      Elimina
  6. L'unico richiamo intriso di amore sincero che io piccolo atomo di questo universo mi sento di fare a colui che tu Daniela ami chiamare il Per Sempre è solo quello di non essere riuscito a convertire alla sua religione d'amore il Principio del Male che porta dolore e sofferenza nel mondo.Un saluto a te e a Malles.Emilio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Emilio, il libero arbitrio ricordi? La pura libertà..
      Per costringere chi desidera il male, dovresti obbligarlo ed imprigionarlo. privandolo della libertà... ( come dovrebbe accadere nella nostra società). Ma per Per Sempre la libertà è sacra ed inviolabile...Tanto che fa vivere buoni e cattivi..
      Un abbraccio



      Elimina